Ue dichiara guerra alla liberta' di Internet

http://italian.irib.ir/media/k2/items/cache/014fa23308a25a79195b58999e3db469_XL.jpgUn nuovo rapporto della Commissione europea raccomanda la regolamentazione delle notizie in internet, attraverso la modificazione dei motori di ricerca per controllare l'accesso ai "luoghi della cospirazione", la creazione di agenzie stampa europee governative e la formazione di nuovi "quadri di giornalisti professionisti ... per ... scienza, tecnologia, finanza o  medicina ".

Il rapporto sollecita anche i politici europei e i leader delle istituzioni europee a tenere conferenze stampa regolarmente, ad emergere dalle ombre e a  prendere il centro della scena come veri leader europei. Questo segna l'inizio di una nuova era per l'Unione europea, e per il suo controllo sui media. Se state leggendo questo negli Stati Uniti o in Canada, siate consapevoli del fatto che ciò che succede in Europa potrebbe accadere anche in America del Nord, a causa dell' Area di cooperazione euro-atlantica. Si tratta di un processo di convergenza attraverso il quale l'Europa e il Nord America adotteranno politiche simili su "libertà", giustizia e sicurezza, da attuare entro il 2014, cosa che sembra si possa applicare alle ultime proposte sui media.

Il rapporto ( mezzi di informazione liberi e pluralistici per sostenere la democrazia europea ) è stato pubblicato questo mese da un Gruppo di Alto Livello (GAL), istituito dalla Commissione europea, e che includeva l'ex presidente della Lettonia e un ex ministro della giustizia tedesco. Il criterio alla base di questo rapporto è stato in una costante fase di elaborazione per qualche tempo. Gli obiettivi descritti nel 2011 includevano: - la possibilità di "riconquistare" la libertà  di stampa, con particolare riferimento ad alcuni paesi specifici, tra cui Ungheria, Francia, Italia, Romania e Bulgaria, per aumentare i servizi d'informazione dell'Unione europea, e regolamentare i media internet e i social media come Twitter e Facebook. L'ultimo di questi obiettivi ha ricevuto attenzione da parte dell'UE dopo i disordini di Londra. (Cfr. La stampa in Europa: la libertà  e il pluralismo a rischio | EurActiv )

Alcuni dei punti chiave del rapporto sono i seguenti:

L'UE chiede l'autorità  legale ("competenza") per regolare la stampa e i media d'informazione.

In questo contesto, la relazione non offre alcuna definizione di ciò che costituisce "giornalismo" e di ciò che sarà  regolato, ma raccomanda piuttosto "il dibattito tra tutte le parti interessate su ... orientamento per i giudici".

Una gran parte della relazione riguarda i mezzi di comunicazione, internet e i nuovi motori di ricerca. Si propone l'inclusione dei motori di ricerca nella regolamentazione dei media.

La relazione approva in particolare i commenti di  Cass Sunstein su  internet ed estremismo. La relazione del GAL dice che "Cass Sunstein, ad esempio, solleva preoccupazioni sul fatto che Internet consentirà  alle persone di essere meno impegnate nella società, viste le capacità  crescenti di filtraggio personalizzato e la presenza decrescente di ... giornali ... indubbiamente un impatto potenzialmente negativo sulla democrazia ... possiamo arrivare a leggere e sentire quello che vogliamo, e nient'altro che quello che vogliamo. La preoccupazione è che le ... persone dimentichino che le alternative esistono e diventino così  incapsulate in posizioni rigide da ostacolare la costruzione del consenso nella società." Il rapporto continua, "l'isolamento e la frammentazione dell'informazione, insieme all'incapacità  di controllare e valutare le fonti, possono avere un impatto negativo sulla democrazia".

Per far fronte a questo, si propone l'inclusione dei motori di ricerca nella regolamentazione dei media. Si evidenzia che i motori di ricerca hanno un notevole impatto sul contenuto visualizzato e sull'importanza con la quale viene presentato: - "Il nuovo ambiente mediatico aumenta l'importanza dei 'gate-keepers', intermediari digitali che sono la via di accesso ad Internet (ad esempio, i motori di ricerca e i social network) ... Per questi attori, solo l'UE ha la capacità effettiva di regolarli"

I siti che riproducono articoli ("aggregatori di notizie" e "intermediari digitali") potrebbero essere oggetto di nuove restrizioni per imporre un contenuto equilibrato. Il rapporto afferma che "gli intermediari digitali, come i motori di ricerca, aggregatori di notizie, social network ... dovrebbero essere inclusi nel monitoraggio del settore. Il ruolo sempre più rilevante che essi esercitano nel migliorare o limitare il pluralismo dei media deve essere preso in considerazione, soprattutto quando iniziano a produrre contenuti. Tuttavia, bisogna fare attenzione a distinguere tra i media che pubblicano lavoro direttamente, e servizi che consentono agli utenti di ripubblicare o linkare il lavoro di altre persone. "Si propone una sovvenzione a sostegno del giornalismo responsabile, del giornalismo che soddisfa determinati criteri - "Ci dovrebbe essere razionalizzazione e coordinamento del sostegno e del finanziamenti per un giornalismo di qualità".

Il rapporto suggerisce che ci dovrebbero essere borse di studio per la formazione di giornalisti investigativi - "al fine di costruire quadri di giornalisti professionisti competenti per operare nel giornalismo investigativo, borse giornalistiche dovrebbero essere offerte [presso le] Università  e i centri di ricerca ...  finanziate dalla UE. Le borse di studio ... sarebbero particolarmente utili per il giornalismo investigativo, o per addestrare i giornalisti alla mediazione tra temi complessi quali la scienza, la tecnologia, la finanza o la medicina e il grande pubblico. "

Il rapporto suggerisce che "l'alfabetizzazione mediatica dovrebbe essere insegnata nelle scuole a partire dal liceo. Il ruolo che i media svolgono in una democrazia funzionante dovrebbe essere attentamente esaminato nel quadro dei piani di studio nazionali".

Fonte: nocensura

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog