Thursday 30 june 2011 4 30 /06 /Giu /2011 20:42

http://aurorasito.files.wordpress.com/2011/06/609610a67eb505a124fafdedc2d3b818.jpg?w=300&h=181Un gruppo internazionale di ricercatori della Rete Voltaire è attualmente in Libia. Ha potuto visitare i luoghi dei bombardamenti. Con la fiducia delle autorità libiche, ha incontrato alcuni dei leader politici e della sicurezza, nonostante le condizioni di guerra. La loro conclusione è diametralmente opposta alle immagini trasmesse dalla stampa occidentale. Thierry Meyssan consegna le loro prime osservazioni.

 

Al centesimo giorno del bombardamento della Libia, la NATO ha annunciato il suo imminente successo. Tuttavia, gli obiettivi della guerra non sono chiaramente specificati, non è chiaro quale sarebbe il successo. Contemporaneamente, la Corte penale internazionale ha annunciato l’incriminazione del leader libico Muammar Gheddafi, del figlio Saif al-Islam e del capo dell’intelligence interna, Abdallah al-Sanoussi, per “crimini contro l’umanità“.

Se si fa riferimento alla risoluzione 1973 del Consiglio di Sicurezza, la Coalizione dei volenterosi dovrebbe stabilire una no-fly zone per evitare che le truppe del tiranno uccidano il suo stesso popolo. Tuttavia, le informazioni iniziali, in base alle quali l’aeronautica libica avrebbe bombardato le città libiche, che si erano sollevate contro il governo di Tripoli, non sono ancora state confermate, anche se sono ritenute attendibili dalla Corte penale internazionale. Tuttavia, le azioni della NATO hanno superato di gran lunga la creazione di una no-fly zone per trasformarsi in una sistematica distruzione delle forze armate nazionali, di aria, terra e mare.

Gli obiettivi della NATO sono probabilmente altri. I leader dell’Alleanza hanno citato più volte il rovesciamento del “regime” di Muammar Gheddafi, anche l’eliminazione fisica del “Fratello Leader“. I media occidentali si riferiscono a “defezioni in massa” dei quadri di Tripoli e al loro allineamento alla causa degli insorti a Bengasi, ma non possono fare nomi, ad eccezione di quelli dei politici da tempo noti per essere favorevole alla riconciliazione con Washington, come l’ex ministro degli esteri Moussa Koussa.

L’opinione pubblica internazionale è massicciamente male informata. Washington ha tagliato le trasmissioni televisive libica sul satellite Arabsat, di cui è ancora azionista la Jamahariya. Il Dipartimento di Stato non dovrebbe tardare a fare lo stesso con Nilesat.

In violazione dei suoi impegni internazionali, Washington ha rifiutato un visto per il nuovo rappresentante libico presso le Nazioni Unite. Non può venire nello Stato di New York a esporre il suo punto di vista, mentre il suo predecessore, unitosi al CNT, continua a occupare il suo posto.

Con la voce di Tripoli smorzata, è possibile diffondere qualsiasi menzogna, senza timore di smentita.

Non c’è da stupirsi visto che a Tripoli, dove è stato scritto questo articolo, i comunicati della NATO e le accuse della Corte penale internazionale sembrano irreali. L’ovest della Libia è pacifico. A volte, le sirene annunciano l’arrivo di bombardieri o missili. Seguiti subito dopo dalle esplosioni che essi provocano. Non c’è bisogno di correre ai ripari, da un lato perché il tempo è troppo breve e, secondo, perché ci sono quasi ripari.

I bombardamenti sono mirati con estrema precisione. Il munizionamento guidato colpisce gli edifici presi di mira, e in questi edifici, le parti puntate. Tuttavia, la NATO perde il controllo in volo di un un missili guidato su dieci. Questo cade alla cieca. In qualsiasi punto della città, causando morte a caso.

Se una parte degli obiettivi della NATO sono “militari“: basi e caserme; la maggior parte sono “strategiche“, vale a dire economiche. Per esempio, l’Alleanza ha bombardato la zecca della Libia, un’amministrazione civile incaricata di stampare i dinari. Oppure, i suoi commando hanno sabotato fabbriche che erano in competizione con quelle dei membri della Coalizione. Altri obiettivi sono definiti “psicologici“. Si tratta di colpire direttamente i leader politici e militari, massacrando le loro famiglie. I missili vengono poi puntato verso abitazioni private, e in particolare sulle camere da letto dei figli dei dirigenti.

L’atmosfera nella capitale e sulla costa è pesante. Ma la popolazione resta salda. I libici osservano che nessuno dei loro problemi interni giustifica il ricorso alla guerra. Indicano le rivendicazioni sociali e le questioni regionali, come esistono nei paesi europei, ma niente che dovrebbe portare a lacerare le famiglie come si sta facendo imponendo la spartizione del paese.

Di fronte alla NATO, decine di migliaia di cittadini ricchi hanno fatti le valigie e se ne sono andati a cercare rifugio nei paesi vicini, tra cui la Tunisia, lasciando ai poveri la cura per difendere il paese che li ha arricchiti. Molte aziende sono chiuse senza che nessuno sappia se si trovano ad affrontare problemi di approvvigionamento o se i loro proprietari sono fuggiti.

Come in Siria, la maggior parte degli oppositori politici fa blocco col governo per proteggere l’integrità del paese contro l’aggressione straniera. Tuttavia, alcuni libici, anonimi e invisibili, informare la NATO per individuare gli obiettivi. I loro genitori, un tempo ospitavano l’esercito coloniale italiano, ora gridano con i loro omologhi di Bengasi, “1, 2, 3, Sarkozy sta arrivando!“. Ogni nazione ha i suoi traditori e i suoi collaborazionisti.

Le atrocità commesse dai mercenari del principe Bandar in Cirenaica, hanno convinto molti esitanti. La TV mostra opere continuamente le azioni dei leader di al-Qaida in Libia, alcuni dei quali sono stati rilasciati direttamente da Guantanamo, per combattere a fianco degli Stati Uniti. Le insopportabili immagini di linciaggi e mutilazioni nelle città erette a emirati islamisti, come di moda in Afghanistan e in Iraq, da persone disumanizzate dalle torture subite ed eccitate da potenti droghe. Non è necessario essere un vecchio sostenitore della Rivoluzione di Gheddafi per supportarla oggi, di fronte agli orrori cui i jihadisti si dedicano nelle “zone liberate” dalla Alleanza [1].

Niente, da nessuna parte in Occidente suscita una rivolta o guerra civile. Nessuna barricata, né carri armati nelle strade. Su tutte le strade, le autorità hanno istituito posti di blocco ogni due chilometri. Gli automobilisti in paziente attesa saggiamente, loro stessi sono attenti a scoprire elementi infiltrati dalla NATO.

Il colonnello Gheddafi arma la popolazione. Quasi due milioni di fucili automatici sono stati consegnati ai civili. L’obiettivo è che ogni adulto, maschio o femmina, difenda la sua casa. I libici hanno imparato la lezione dell’Iraq. Saddam Hussein era seduto sull’autorità del Baath e dell’esercito, escludendo il suo popolo dalla vita politica. Quando il partito fu decapitato e qualche generale disertò, il governo crollò improvvisamente lasciando il paese senza resistenza e nel caos. La Libia è organizzata secondo un sistema unico di democrazia partecipativa, paragonabile alle assemblee del Vermont. La gente è abituata ad essere consultata e responsabile. Si è dunque mobilitata in massa.

Inaspettatamente, le donne sono più determinate degli uomini nel portare le armi. Ciò riflette l’incremento negli ultimi anni della partecipazione delle donne alle assemblee popolari. Ciò riflette forse, anche la disinvoltura che ha colpito i quadri di questo Stato socialista dallo standard di vita elevato.

Tutti sanno che tutto verrà deciso quando le truppe di terra della Nato sbarcheranno, se oseranno farlo. La strategia di difesa è interamente concepita per scoraggiare uno sbarco, mobilitando la popolazione. Qui i soldati francesi, inglesi e statunitensi non saranno accolti come liberatori, ma come invasori coloniali. Dovranno affrontare infiniti combattimenti urbani.

I libici s’interrogano sulle mosse esatte della NATO. Mi sorprende constatare che spesso leggendo gli articoli di Voltaire, tradotti e ripreso da molti siti web e alcuni giornali, che sono informati sui reali problemi. C’è qui, come dappertutto, una mancanza di informazioni sulle relazioni internazionali. La gente sa e s’inorgoglisce delle iniziative e dei risultati del governo per l’Unità africana o per lo sviluppo del Terzo Mondo, ma ignorano molti aspetti della politica internazionale e sottovalutano il potere distruttivo dell’impero. La guerra sembra ancora lontano, fino a quando il predatore si vi sceglie come preda.

Che cos’è questo successo che la NATO annuncia imminente? Per ora, il paese è diviso in due. La Cirenaica è stata proclamata repubblica indipendente, anche se si sta preparando a ristabilire la monarchia, ed è stata riconosciuto da diversi stati, a partire dalla Francia. Questa nuova entità è governata, di fatto, dalla NATO, ma ufficialmente da un misterioso Consiglio di Transizione Nazionale, non eletti, e i cui membri, se esistono, sono segreti per non essere chiamati a rispondere delle loro azioni. Una parte dei beni libici sono stati congelati ed ora sono gestiti, a loro massimo beneficio, dai governi occidentali. Parte della produzione di petrolio viene venduta a condizioni molto competitive alle società occidentali che ne fanno incetta. E’ forse questo il successo: il saccheggio coloniale.

Emettendo mandati di arresto internazionali contro Muammar Gheddafi, suo figlio e il capo dell’intelligence nazionale, la Corte penale internazionale sta cercando di mettere sotto pressione i diplomatici libici, per costringerli a dimettersi. Tutti sono a rischio, in caso di caduta della Libia, di essere perseguiti per “complicità in crimini contro l’umanità“. Quelli che si dimettono lasceranno un vuoto dietro di loro, senza alcuna possibilità di essere sostituiti. I mandati di arresto, quindi, emergono da una politica di isolamento del paese.

La Corte fa anche comunicazione di guerra. Ha definito Saif al-Islam “il primo ministro de facto“, cosa che certamente non è vera, ma dà l’impressione di un regime familistico. Vi si ritrova il principio d’inversione dei valori, tipico della propaganda statunitense. Mentre i ribelli di Bengasi brandiscono la bandiera della monarchia Senussi e il pretendente al trono si spazientisce a Londra, è la democrazia partecipativa che viene presentata come un regime dinastico.

Dopo i primi cento giorni di guerra, la stampa della NATO a malapena nasconde la delusione. I libici non sono insorti contro il “regime“, tranne in Cirenaica. Nessuna soluzione militare è in vista. L’unica via per l’Alleanza atlantica di uscire a testa alta a buon mercato, è quella di dividere semplicemente il paese. Bengasi diventerebbe l’equivalente di Camp Bondsteel, la mega base militare statunitense in Europa, avendo acquisito lo status di stato indipendente come Kosovo. La Cirenaica sarà la base che mancava ad AFRICOM per controllare il continente.

[1] Suppongo che queste osservazioni possano sorprendere il lettore. Réseau Voltaire tornerà in dettaglio nei prossimi articoli.

Réseau Voltaire Tripoli (Libia) 27 giugno 2011

Traduzione di Alessandro Lattanzio – Aurora03.da.ru

Fonte: ariannaeditrice.it/ http://aurorasito.wordpress.com)

Di oleg - Pubblicato in : Lodigiano: Accade Nel Mondo
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Torna alla home

OPPORTUNITA' DI LAVORO

lavoro.jpg

CREA IMPRESA

Come Avviare un Bed & Breakfast O Affittacamere - Guida + CD-Rom
Massimo D'Angelillo, Monica Gadda, Antonio Montefinale, Daniela Montefinale, Maria Luisa Morasso
Come Avviare un Ostello della Gioventù - Guida + CD-Rom
Massimo D'Angelillo, Monica Gadda, Antonio Montefinale, Daniela Montefinale, Maria Luisa Morasso
Come Avviare un Baby Parking, Ludoteca, Centro Giochi - Guida + CD-Rom
Massimo D'Angelillo, Monica Gadda, Antonio Montefinale, Daniela Montefinale, Maria Luisa Morasso
Come Avviare un Orto Km 0 - Guida + CD-Rom
Massimo D'Angelillo, Monica Gadda, Antonio Montefinale, Daniela Montefinale, Maria Luisa Morasso
Come Avviare un'Attività di Coltivazione di Piante Aromatiche e Officinali - Guida + CD-Rom
Massimo D'Angelillo, Monica Gadda, Antonio Montefinale, Daniela Montefinale, Maria Luisa Morasso
Come Avviare una Agenzia di Shopping Tour e Turismo Territoriale - Guida + CD-Rom
Massimo D'Angelillo, Monica Gadda, Antonio Montefinale, Daniela Montefinale, Maria Luisa Morasso
Come Avviare una Scuola di Musica e Canto - Guida + CD-Rom
Massimo D'Angelillo, Monica Gadda, Antonio Montefinale, Daniela Montefinale, Maria Luisa Morasso
Come Avviare un Ristorante Km 0 - Guida + CD-Rom
Massimo D'Angelillo, Monica Gadda, Antonio Montefinale, Daniela Montefinale, Maria Luisa Morasso
Come Avviare una Palestra - Guida + CD-Rom
Massimo D'Angelillo, Monica Gadda, Antonio Montefinale, Daniela Montefinale, Maria Luisa Morasso
Come Avviare un Agriturismo - Guida + CD-Rom
Massimo D'Angelillo, Monica Gadda, Antonio Montefinale, Daniela Montefinale, Maria Luisa Morasso
Come Avviare un Outlet del Territorio - Guida + CD-Rom
Massimo D'Angelillo, Monica Gadda, Antonio Montefinale, Daniela Montefinale, Maria Luisa Morasso
Come Avviare un Circolo Privato - Guida + CD-Rom
Massimo D'Angelillo, Monica Gadda, Antonio Montefinale, Daniela Montefinale, Maria Luisa Morasso
Come Avviare un Asilo Nido - Guida + CD-Rom
Massimo D'Angelillo, Monica Gadda, Antonio Montefinale, Daniela Montefinale, Maria Luisa Morasso
Come Avviare un Paese Albergo (albergo Diffuso) - Guida + CD-Rom
Massimo D'Angelillo, Monica Gadda, Antonio Montefinale, Daniela Montefinale, Maria Luisa Morasso
Come Avviare una Fattoria Didattica e City Farm - Guida + CD-Rom
Massimo D'Angelillo, Monica Gadda, Antonio Montefinale, Daniela Montefinale, Maria Luisa Morasso

STAMPE D'AUTORE

Il primo sito italiano per comprare poster e stampe d arte

COMPRA SU AMAZON.IT

KINDLE AMAZON

LIBRISALUS

Acquista su Librisalus.it

I TUOI SCATTI PER SEMPRE

Stampe da arredo personalizzate

LODIGIANO IN BICICLETTA

http://www.animatedweb.it/imagestore/tabimages/biking/muzza_canale_due1.jpg

LE CICLABILI DEL LODIGIANO

CERCA NEL SITO

LINGUE SENZA SFORZO

http://www.assimil.it/img/baseClip.png

Syndication

  • Feed RSS degli articoli
 
Crea un blog gratis su over-blog.com - Contatti - C.G.U. - Remunerazione in diritti d'autore - Segnala abusi - Articoli più commentati