Tre euro per avere i soldi: in banca spunta la tassa (salata) sul contante

Ci vogliono tre euro per prelevare i propri soldi in banca, una specie di tassa del contante che sta facendo irritare i clienti. Chi vuole avere il denaro dal conto, ma senza ritirare al bancomat deve pagare “pegno”.

 

Ai clienti Bnl sembra che le lettere siano già arrivate: “Dal 18 aprile, per ogni prelievo di liquidi in agenzia, inferiore ai 2mila euro, dovranno versare 3 euro”.

 

Anche Mps e Ubi si sono accodate a questa decisione, così come Cariparma, Popolare di Milano e Unicredit: i costi vanno da uno a tre euro. Il Monte dei Paschi di Giuseppe Mussari, presidente dell’Abi, chiede 3 euro per ogni prelievo in filiale.

 

Intesa Sanpaolo, invece, ha abolito i costi allo sportello con il nuovo conto modulare Facile, distribuito dal 21 febbraio, anche se i vecchi correntisti dovranno comunque pagare un euro per prelievi fino a 500 euro. ( Fonte: www.ilblitzquotidiano.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog