Tornano i salmoni nel Tamigi, ma in Italia solo fiumi di veleni

Cinquant'anni fa il Tamigi veniva segnalato come un fiume “biologicamente morto”, condizione che ha causato la scomparsa della flora e della fauna tipica del corso d'acqua. Oggi, dopo aver avviato una determinata politica ecologica e ambientale, il fiume si è ripopolato di salmoni, lontre, sogliole e foche sparute. Sono ricomparsi anche i cavallucci marini che a causa delle acque velenose del Tamigi avevano migrato verso altri lidi insieme alle altre specie.

Ma non è solo l'Old Father Thames – nome con cui i londinesi chiamano il Tamigi – a rinascere, secondo l'ultimo rapporto dell'Environment Agency (l'ente statale che gestisce i corsi d'acqua britannici) altri fiumi del Regno Unito stanno riprendendo vita. Questo è il frutto di un lungo lavoro, iniziato dalla Thatcher e proseguito fino ad oggi, che ha puntato molto sulla qualità dell'acqua attraverso l'introduzione di depuratori che hanno trattato gli scarichi fognari e una legislazione dura verso i responsabili dell'inquinamento.

In Italia, invece, secondo il rapporto realizzato dal Wwf, i nostri fiumi sono fogne a cielo aperto, inquinati da scarichi velenosi a causa di un malfuzionamento dei depuratori. Tutte condizioni ideali per l'estinzione delle specie che vi abitano. L'88% dei pesci di acqua dolce, infatti, è a rischio così come due terzi degli uccelli e dei mammiferi che vivono lungo i torrenti. "I nostri fiumi stanno morendo" denuncia il Wwf. "L'autorità nazionale di bacino – accusano gli ambientalisti – non è mai nata, ed è stata sacrificata nel nome del federalismo, indebolendo così i controlli".

29 corsi d'acqua sono stati al centro dell'indagine in tutte le regioni d'Italia dalla Sicilia al Piemonte: cemento, rifiuti e scarichi stanno minacciando la loro biodiversità. Sull'Agri, in Basilicata, sono stati individuati 74 sbarramenti e 26 depositi di rifiuti, lungo l'Adda aumentano i cantieri, scarichi abusivi sono stati individuati nell'alto Tevere, l'Aniene a causa di depuratori inattivi è inquinato, nel Po la biodiversità è stata intaccata...

Insomma, mentre quest'anno il Tamigi ha vinto il Thiess River Prize, riconoscimento internazionale che premia i progetti di recupero dei corsi d'acqua, ospitando più di 125 specie di pesci, in Italia, se non si cambia rotta i fiumi saranno presto solo veleni, rifiuti e liquami. ( Fonte: www.ilcambiamento.it)

Autore: S.E.C.

180x150.gif_gadget

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog