" Torna il ticket sanitario dal gennaio 2012 " di Manuela Tulli

http://crisi-finanziaria.myblog.it/images/manovra-finanziaria-2010-decreto-legge-26-5-10.jpgBlocco degli stipendi per gli statali per un anno in più, donne in pensione a 61 già dal 2012 per progressivamente arrivare a 65, ticket da 10 euro sulle prestazioni specialistiche e da 25 euro sul pronto soccorso a partire dal prossimo anno. Sono alcune delle misure contenute nella "bozza" della manovra, un provvedimento al momento lungo 82 pagine che poi si intersecherà con la riforma del fisco che riguarda Irpef, Iva, Irap e tasse sulle rendite finanziarie. Tra le novità della bozza anche la privatizzazione della Croce Rossa Italiana e il rifinanziamento delle missioni internazionali per tutto il 2011.

Ecco la bozza della manovra in "pillole".

- Ticket 10 euro. Scatterà dal primo gennaio 2012 per le prestazioni specialistiche ambulatoriali. Pagheranno invece 25 euro i "codici bianchi" del pronto soccorso. Al momento infatti è stato stanziato un finanziamento da 486,5 milioni di euro solo per il 2011.

- Pensioni, parte in 2014 aggancio età a speranza vita. Era previsto al 2015.

- Pensioni d'oro. Stop alla rivalutazione se sono cinque volte superiori al minimo. Per quelle pari a tre volte il minimo la rivalutazione sarà al 45%.

- Pensioni, donne a 65 anni. La bozza è stringente: dal 2012 servirebbero 61 anni per andare in pensione, e poi si aumenta di un anno fino a raggiungere i 65 anni. Ma l'ipotesi sarebbe già superata da una che prevede un adeguamento diluito: si parte dal 2015 con un mese l'anno, per accelerare dal 2020 di sei mesi l'anno, fino a raggiungere l'età pensionabile di 65 anni. Ma tutto sarebbe ancora aperto.

- PA, stipendi congelati. Stop agli aumenti di retribuzione, anche accessori, per il personale delle pubbliche amministrazioni, fino alla fine del 2014.

- PA, blocco turn-over. Proroga del turn-over nel pubblico impiego ancora per un anno. Esclusi dalla stretta i Corpi di Polizia, i Vigili del Fuoco e le agenzie fiscali.

- Missioni internazionali. La dotazione del fondo è incrementata di 700 milioni di euro per il 2011.

- Liberalizzazione professioni. Più facile l'accesso; fuori dalle nuove norme notai, architetti, farmacisti e avvocati.

- Spending review. Addio tagli lineari: parte dal 2012 il processo di "spending review" «mirata alla definizione dei fabbisogni standard propri dei programmi di spesa delle amministrazioni centrali dello Stato».

- Croce Rossa. Sarà privatizzata. Il personale non militare rischia di essere posto in mobilità.

- Badanti e pensioni. Dal primo gennaio del prossimo anno, la pensione di reversibilità «è ridotta, nei casi in cui il matrimonio con il dante causa sia stato contratto ad età del medesimo superiori a 70 anni e la differenza di età tra i coniugi sia superiore a 20 anni, del 10% per ogni anno di matrimonio mancante rispetto al numero di 10».

- Cattedre bloccate. A decorrere dall'anno scolastico 2012/2013 le dotazioni organiche del personale docente, educativo ed Ata della scuola non devono superare la consistenza delle relative dotazioni organiche dello stesso personale determinata nell'anno scolastico 2011/2012.

- Insegnanti di sostegno. L'organico degli insegnati di sostegno, attribuito alle singole scuole o a "reti di scuole", dovrà prevedere in media un docente ogni due alunni disabili.

- Alta velocità. Arriva sovrapprezzo canone, servirà ad assicurare la copertura degli oneri del servizio universale.

- Protezione civile. Arrivano 64 milioni di euro nel 2011 per la gestione dei mezzi della flotta aerea del Dipartimento della protezione civile. Al relativo onere si provvede con una riduzione della quota destinata allo Stato dell'8 per 1000.

- Fondi residui. Sono abrogate, a decorrere dal 2012, tutte le norme che dispongono la conservazione nel conto dei residui, cioè le somme stanziate ma non spese dalla Pubblica Amministrazione, per essere utilizzate nell'esercizio successivo, di somme iscritte negli stati di previsione dei Ministeri. La Corte dei Conti ha quantificato in 108 miliardi l'ammontare dei residui passivi dell'intera amministrazione pubblica.

- Immobili pubblici. Arrivano «fondi d'investimento immobiliari chiusi promossi da Regioni, Provincie, Comuni anche in forma consorziata ovvero da società interamente partecipate dai predetti enti, al fine di valorizzare o dismettere il proprio patrimonio immobiliare disponibile».

- Conti dormienti. Una piccola parte della manovra (100 milioni) sarà coperta dal fondo in favore delle vittime dei crack finanziari.

- Anas. Sarà divisa in Holding e Spa e arriva anche un commissario. ( Fonte: www.gazzettadelsud.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog