" The Next Three Days " La recensione di Sara Michelucci

http://www.altrenotizie.org/images/stories/2011-3/the-next-three-days-poster-italia.jpgUn uomo, un professore universitario di letteratura e una vita tranquilla con la sua famiglia. Ma qualcosa è destinata a sconvolgerla per sempre, costringendolo a cambiare. John Brennan vive con sua moglie Lara e il suo piccolo bimbo Luke. Tutto sembra andare per il verso giusto, c’é amore e armonia e nulla potrebbe turbare la loro serenità. Si sfiora quasi la perfezione. Fino a quando Lara viene arrestata all’improvviso e condannata per l’omicidio del suo capo, che sostiene di non aver commesso.

 

A tre anni dalla condanna, John continua a sperare che giustizia sia fatta, che sua moglie possa uscire dal carcere e dimostrare che tutto è stato un errore. Ma le sue speranze sono presto vanificate, quando anche il suo avvocato lo mette dinanzi alla dura realtà che Lara resterà a vita in galera.

 

E qui l’uomo è costretto ad attuare il cambiamento. La metamorfosi. Deciso a organizzare l’evasione della moglie, erra nei bassi fondi alla ricerca di documenti falsi, di una pistola e del denaro necessario per fuggire via con la sua famiglia. Si sporca le mani fino in fondo, elaborando un piano nei minimi dettagli e lasciando fuori la sua coscienza per salvare la donna che ama e che non ha mai messo in discussione.

 

Russel Crowe torna in The Next Three Days a coprire i panni di uomo duro, pronto a tutto pur di proteggere e salvare chi gli sta davvero a cuore. Non è un supereroe, però, quello che Paul Haggis porta sullo schermo, ma un uomo normale, dal fisico non più atletico e che le prende più che darle, deciso però a raggiungere un obiettivo, seppur folle, con ogni mezzo, anche poco lecito.

 

Un remake, quello che Haggis ha deciso di girare, del film francese "Pour Elle", diretto nel 2008 da Fred Cavayé e che vedeva protagonisti Vincent Lindon e Diane Kruger nei panni di una coppia sposata che si trova a dover affrontare l’arresto della donna per un crimine che sostiene di non aver commesso.

 

Il Premio Oscar per la miglior sceneggiatura originale del film "Crash -Contatto fisico" ha deciso così di portare nuovamente sul grande schermo un thriller dalla tensione schiacciante, che incolla alla poltrona, ma che si risolve ben presto in un finale piuttosto classico, senza che ci si possa aspettare qualche cosa in più. Una costruzione piuttosto rigida nella scelta sia delle scene che dei sentimenti stessi dei personaggi, controllati passo dopo passo.

 

The Next Three Days (Usa 2010)

Regia: Paul Haggis

sceneggiatura: Paul Haggis

attori: Russell Crowe, Elizabeth Banks, Ty Simpkins, Olivia Wilde, Brian Dennehy, Jonathan Tucker, RZA, Liam Neeson

fotografia: Stéphane Fontaine

montaggio: Jo Francis

musiche: Danny Elfman

produzione: Fidélité Films, Hwy61, Lionsgate

distribuzione: Medusa Film

( Fonte: www.altrenotizie.org)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog