SVEGLIATEVI ITALIANI: il bail out della Spagna farà fallire l’Italia. Ecco il video

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/4/4c/Nigel_Farage.jpg/220px-Nigel_Farage.jpgNigel Paul Farage.

Dopo aver abbandonato il Partito Conservatore nel 1992 a causa della ratifica del Trattato di Maastricht, è stato un membro fondatore dell'UKIP. Dopo aver condotto nel 1994 una campagna infruttuosa per le elezioni europee e per quelle di Westminster, ottenne un seggio da eurodeputato per il Sud Est alle Elezioni europee del 1999 - il primo anno in cui fu utilizzato il sistema di lista regionale - e venne rieletto nel 2004 e nel 2009.

Nel settembre 2006, Farage divenne il leader dell'UKIP e guidò il partito verso le Elezioni europee del 2009, nelle quali esso si attestò al secondo posto del gradimento popolare, superando il Partito Laburista di poco più di un migliaio di voti e i Liberal Democratici di quasi mezzo milione di voti. Tuttavia nel novembre 2009 Farage si dimise per tentare di insidiare, alle Elezioni generali britanniche del 2010, il posto di Speaker della Camera dei Comuni occupato da John Bercow.

Alle Elezioni generali del 2010, Farage non riuscì a sopravanzare Bercow e non ottenne alcun seggio. Poco dopo l'apertura delle urne (6 maggio 2010), Farage rimase ferito in seguito ad un incidente aereo nel Northamptonshire; l'aereo biposto PZL-104 Wilga 35A stava esponendo uno striscione pro-UKIP quando si capovolse e si schiantò poco dopo il decollo. Sia Farage che il pilota vennero ricoverati in ospedale con ferite non letali[3].

Nel novembre 2010, a seguito delle dimissioni del leader dell'UKIP Malcolm Pearson, Nigel Farage ottenne la leadership, battendo gli sfidanti Tim Congdon e David Campbell Bannerman. Nell'ottobre 2009, venne classificato dal The Daily Telegraph alla 41esima posizione tra i 100 più influenti esponenti di destra[4]. Farage fu inserito al 58esimo posto nella lista del 2010 compilata da Dale e Brivati per il Telegraph.

Fonte: Wikipedia

Hank Aleno

 


Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: