Solidarietà a Pisapia, contro il fango di Letizia

http://www.ilfuturista.it/images/resized/images/stories/politica/pisapiafoto_200_200.jpgAnche il dossieraggio e il killeraggio mediatico hanno provato a fare un salto di qualità. Per bocca di Letizia Moratti. Insinuare il dubbio e solleticare le paure, con la speranza che l'elettore sia distratto, che ascolti un po' e non abbia il tempo di sentire la smentita. Durante il faccia a faccia tra i due candidati sindaci di Milano, il candidato berlusconiano Letizia Moratti ha accusato il suo avversario Giuliano Pisapia di avere una passato da criminale, da estremista.

 

Nello specifico lo ha accusato di essere stato amnistiato per il furto di un'auto utilizzata per il sequestro e il pestaggio di un ragazzo. Una notizia infondata e falsa: Pisapia fu vittima di un errore giudiziario e assolto per non aver commesso il fatto.

 

Per questo “Il futurista” esprime la propria solidarietà a Giuliano Pisapia, perché non può esserci giustificazione a metodi così violenti.

 

La domanda è: quello della Moratti è un errore dovuto ad uno scarso collaboratore che le ha dato un'informazione sbagliata sull'avversario? L'impressione è che si tratti di una vera e propria strategia comunicativa, se è vero che l'attuale sindaco ha rivendicato lo scivolone con la motivazione che voleva indicare la “differenza” tra la sua storia personale e quella di Pisapia. Una strategia comunicativa che utilizza il falso per avvelenare il pozzo del confronto democratico, che inietta odio, che genera solo paure.

 

Una strategia che arriva a creare criminali anche dove non ci sono. Un killeraggio che rischia di confondere e annegare ogni verità. Finché la verità non servirà più. Fa sicuramente più paura il presente “estremista” della Moratti che il passato “non moderato” di Pisapia. ( Fonte: www.ilfuturista.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog