"Simboli leghisti a scuola": Adro ancora nella bufera

Ciò che maggiormente ha colpito oggi durante l'inaugurazione è stato il "Sole delle Alpi", simbolo celtico utilizzato dalla Lega, messo sulle vetrate, ma non solo, nel nuovo polo scolastico di Adro (Brescia), il comune della Franciacorta venuto alla ribalta nei mesi scorsi per le polemiche sulla mensa - non si volevano ammettere gli scolari le cui famiglie non pagavano - e per le prese di posizione del sindaco leghista Oscar Lancini. Il simbolo è anche su banchi di scuola, posacenere, cartelloni in cui s'invita a non calpestare l'erba. Nella scuola inoltre i crocifissi sono stati fissati con il cemento nei muri. L'edificio è stato intitolato a Gianfranco Miglio.

GELMINI: NON CAPISCO QUESTO ESTREMISMO  «Francamente il sindaco di Adro ci ha abituato ad un centro folklore, ad un certo estremismo, che ovviamente io come Ministro dell'Istruzione non condivido»: così il ministro dell'istruzione, Mariastella Gelmini, commenta in un'intervista a Rtl la decisione di apporre il "Sole delle Alpi", marchio della Lega, su vetrate e banchi di una scuola di Adro, nel bresciano. Secondo il ministro, comunque, «forse nemmeno tutto il partito della Lega può condividere queste esasperazioni che non fanno bene neanche a quel movimento».


PUGLISI: ATTO INQUALIFICABILE «Dopo l'assalto alle banche, ora la Lega cerca di impadronirsi pure di una istituzione pubblica autonoma e democratica come la scuola»: così Francesca Puglisi, responsabile scuola del Pd. «La vicenda di Adro - prosegue la Puglisi - è inqualificabile: in nessun paese civile e democratico del mondo le scuole recano simboli identificativi di qualsivoglia partito politico. Nel ventennio accadevano simili cose e oggi è gravissimo che si consenta a un partito simili atti. I simboli devono essere rimossi immediatamente e il ministro Gelmini deve farsi carico di far rispettare la legalità violata» conclude.


LEGA INSISTE: GELMINI FRAINTESA «Credo che le parole del ministro Gelmini siano state mal interpretate: la domanda si riferiva alla censura dei simboli di partito nelle scuole, non è certo il caso di Adro e del sole delle Alpi che ricorre nell'iconografia di quel paese al punto da essere raffigurato anche nella Chiesa più antica e prestigiosa». È quanto afferma, dopo le dichiarazioni del ministro Mariastella Gelmini riguardo alla scuola comunale di Adro (Brescia), il parlamentare della Lega Nord Davide Caparini, che proprio ieri con il sindaco Oscar Lancini ha inaugurato il nuovo polo scolastico comunale intitolato a Gianfranco Miglio. «Il ministro - ha aggiunto Caparini -, scrivendo all'amministrazione, ha apprezzato la qualità della struttura, realizzata senza chiedere un centesimo allo Stato, Regione e Provincia». ( Fonte: leggo.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog