Saviano: « La rivoluzione? Sta nascendo, e sarà liberale»

http://www.ilfuturista.it/images/resized/images/stories/attualita3/savianoweb_200_200.jpgLa rivoluzione sta nascendo, ma è una rivoluzione liberale. Per capirci, più come la intendeva Gobetti che una riedizione della rivoluzione d’ottobre. È Saviano a dirlo, intervistato da Repubblica. Parole che sembrano arrivare direttamente da un ragazzo di 150 anni fa, uno di quelli che l’Italia l’ha fatta con i sogni e le azioni: “Credo che qualcosa stia cambiando in modo radicale e che metta molta paura al governo. Il termine movimento non è corretto, parlerei quasi di una moltitudine, di un popolo in cammino. Perché per ora non c’è un percorso definito, non c’è un solo unico programma, ma arrivano da più parti”. Una moltitudine che ha portato nuovi colori (arancione e viola) e tantissimi giovani.

 

E poi, ancora, Saviano sogna una politica che guarda oltre se stessa e seleziona la sua classe dirigente senza sconfinare nell’antipolitica. Una politica che cera il talento, non solo semplici amministratori.

E “Vieni via con me”? Lo stupore dello scrittore è tutto per l’atteggiamento della Rai: cancellare il miglior programma della stagione è fuori ogni logica. Parole nette di chi non teme la macchina del fango, “scoperta – dice Saviano – ma non sconfitta”.

Parla Roberto, liberamente. E se qualche schizzo di fango ti arriverà (ancora) addosso, noi saremo lì con un fazzoletto imbevuto d’acqua. ( Fonte: www.ilfuturista.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog