Sanità: ecco le regioni italiane dove le medicine costano di più

La qualità delle prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale cambia parecchio, da regione a regione, ma ora la forbice si sta allargando sempre di più, anche per quanto riguarda il costo, di tali prestazioni. Un'istantanea molto efficace di tali differenze ce le fornisce la cartina pubblicata sul sito di Federfarma, che ha appena lanciato una serie di servizi particolarmente utili, tra cui uno strumento on line per la ricerca della farmacia più vicina, o anche un database dei farmaci, che per ciascuno di essi riporta prezzo e tipo di prescrizione necessaria.

 

La mappa del pagamento del ticket, che qui riproduciamo, mostra un'intensità di colore proporzionale all'incidenza del ticket stesso sulla spesa farmaceutica. Le regioni in bianco sono quelle che non applicano forme di ticket.

 

Ed ecco la situazione, regione per regione. In Piemonte, si paga 2 euro per confezione, fino a un massimo di 4 euro per ricetta, ma per antibiotici ed altri farmaci solo 1 euro. In Lombardia le regole sono simili, mentre in Veneto c'è solo la formula da 2 euro a ricetta. Nel Lazio si pagano 4 euro a confezione, se il prezzo di vendita è superiore ai 5 euro, che diventano 2 per chi ha diritto ad esenzioni parziali. Per farmaci che costano meno di 5 euro, i ticket diventano, rispettivamente, 2,5 e 1 euro. In Abruzzo si paga dai 2 ai 4 euro a confezione, per prezzi sopra i 5, ma per i più economici servono da 0,5 a 1 euro. In Molise la tariffa è 1 € per confezione, fino a un massimo di 3 per ricetta, per i farmaci di prezzo superiore a 5 €, e della metà per i farmaci di prezzo inferiore. In Campania viene applicato un ticket di 1,50 euro per confezione, più una quota fissa di 2 euro a ricetta. In Puglia si paga 2 euro per confezione, col massimale di 5,5 € per ricetta. In Calabria il ticket è di 1 euro a ricetta, più 2 euro per ciascun pezzo prescritto, col massimale di 5 euro. Il ticket più salato è quello della Sicilia: da 4 a 4,50 euro, a seconda del prezzo del farmaco, che scende tra 2 e 2,50 se i farmaci sono generici. I soggetti affetti da patologie croniche e invalidanti e rare pagano cifre variabili tra 1 e 2 euro. In tutte le regioni suddette, comunque, valgono le esenzioni totali per categorie come, ad esempio, gli invalidi civili al 100 per cento.

 

Le regioni dove non si paga il ticket sono: Valle d'Aosta, Liguria, Provincia Autonoma di Bolzano, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Basilicata e Sardegna. ( Fonte: http://www.intrage.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog