Sabbatucci: «Comunione e liberazione? Sta aspettando il dopo-Cavaliere...»

http://www.ilfuturista.it/images/stories/INTERVISTA/sabbatucci.pngUna lobby importante e influente che potrebbe, in caso di uscita di scena del Cavaliere, avere un ruolo non secondario. Giovanni Sabbatucci, saggista e docente di storia del pensiero politico alla Sapienza di Roma, riflette sulle prospettive di Cl, ma nella consapevolezza che anche in caso di scomposizione, «non saranno cancellati gli schemi di oggi, ovvero chi è stato con Berlusconi e chi contro».

 

Cielle: una lobby che appare sempre più potente. C’è un rischio di monopolio, anche nelle università?

Pur essendo abbastanza diffusa in tutta Italia, Cl credo sia forte in alcune realtà specifiche, come la Lombardia, un po’meno in Veneto. Ovvero nelle stesse zone di maggior insediamento della Lega, il che potrebbe provocare qualche problema alla coalizione. Nelle università, per quella che è la mia esperienza nelle facoltà umanistiche, a livello di dirigenza non l’ho notata. Mentre a livello di studenti esiste e pesa.

 

Formigoni in Lombardia, Mauro al parlamento europeo e Lupi, se dovesse sostituire Alfano al ministero di via Arenula. Un partito nel partito?

Nel momento in cui dovesse innescarsi un processo di sfaldamento e di scomposizione della coalizione berlusconiana, è più che possibile che emerga come realtà solida. Un centrodestra con dominazione Cl rispetto a questo berlusconismo, sarebbe una cosa un po’diversa, ma in fin dei conti non proprio peggiore dell’attuale scenario: mi riferisco a certe derive e ad alcuni comportamenti di Berlusconi e dei berlusconiani...

 

L’Italia è sempre più un paese basato su lobby precostituite, dove chi non ha appartenenza è destinato ai margini?

Negli ultimi tempi vedo una mossa di scomposizione, che va al di là di schemi bloccati. Penso a un’ipotetica frammentazone dell’area attorno al premier: potrebbe liberare, con tutto ciò che esso comporta, nuove energie. L’idea che si ritorni alla prima repubblica e al multipartitismo non mi aggrada. Però in questo momento la tendenza va proprio in quella direzione, ma con la consapevolezza che non saranno cancellati gli schemi di oggi, ovvero chi è stato con Berlusconi e chi contro. ( Fonte: www.ilfuturistra.it)

 

Aurelio Armenide

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog