Romano è salvo: ecco il partito degli onesti

http://webstorage.mediaon.it/media/2010/08/20100831_213144_FE5A5102_medium.jpgSaverio Romano è salvo: i 315 no hanno prevalso sui 294 che lo volevano fuori dal governo. Nonostante il clima teso che si è consumato in aula l'esito della votazione pare davvero scontato, nessuno si stupisce più. Evidentemente, dalle parti della maggioranza, che ha avuto il piacere di dimostrarlo con chiarezza al paese, l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, per la quale è indagato il ministro, è un fatterello su cui si può soprassedere. Una questione secondaria, da battaglia politica, robetta, insomma, da quaquaraquà. Quello che conta è la fedeltà alla linea, la capacità con la propria, seppur misera e oscura presenza, di puntellare i numeri di cui il governo ha necessità per andare avanti, per proseguire nel disegno di portare all'agonia il paese.

 

Un progetto solido, quello di garantire sempre e comunque continuità a Silvio, tanto che Romano non ha mostrato, nei giorni prima del voto, nessun sentimento di timore, non ha dato cenni di titubanza, di dubbio. Per esempio oggi, ha preferito sul proprio sito affrontare l'urgente tema dei fondi comunitari. Dopo aver parlato, qualche giorno fa, delle pesche in spiaggia, iniziativa per la quale pare essersi speso in prima persona. Temi d'emergenza, questioni prioritarie, altro che mafia, che a pensarci bene, poi, avrà pensato Saverione, mica esiste.

 

Aveva ragione Dell'Utri, grande amico di Silvio. È solo un modo di pensare, sostenne il buon Marcello, di sentirsi, intendeva forse, come in una famiglia. Proprio come accade nel Pdl: s'accorre sempre per salvare gli uomini della cerchia. I protagonisti un po' squallidi di Casa Berlusconi: perché le vicende di questi ultimi anni di governo potrebbero essere intese così, come una sit com tragica, che ruota tutta intorno alle vicende del padre di famiglia. Romano è solo uno dei personaggi secondari, di quale pasta sia fatto non conta. Eppure passerà alla storia, il ministro, per aver definitivamente, e suo malgrado, rivelato la sostanza più profonda del partito degli onesti: sono uniti da un clima cameratesco, da combriccola, ambiente nel quale, sembrerebbe oltretutto Romani si trovi a proprio agio (almeno a sentire la Dda di Palermo). E allora cosa è la legalità, cosa contano, persino, la competenza e una certa trasparenza di fronte alla capacità di puntellare, con la propria presenza, i numeri utili a Silvio per gridare ancora, come l'amico Lavitola: «Avanti!». Avanti, sì: verso il definitivo degrado delle istituzioni, lordate in maniera becera, senza alcun rispetto. Oggetto, ormai, di sospetto da parte dei cittadini, di cattiva reputazione. Perché il partito degli onesti dovrebbe cambiare nome in quello degli amici di famiglia. Niente altro li caratterizza già da tempo. ( Fonte: www.ilfuturista.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog