Risparmiare acqua, energia e casa: aiutare il mondo e tenere bassi i costi

http://www.finanzaviva.it/phpthumb/phpthumb.php?src=../public/news/risparmioenergetico.jpg&w=409&h=270&aoe=1&zc=1&q=100Risparmiare energia non è più solo una moda, ma una necessità. Le risorse non rinnovabili su cui il mondo occidentale ha basato il suo sviluppo come il carbone e il petrolio si stanno esaurendo. Per continuare a vivere senza danneggiare ancora sull'ambiente e preservando anche la nostra salute è necessario ripensare tutto il ciclo di vita e di consumo dell'uomo moderno, partendo dalla casa. Risparmio idrico, risparmio energetico e architettura sostenibile sono le frecce al nostro arco e costituiscono i concetti alla base della bioarchitettura, una disciplina che rivolge la sua attenzione all'armonizzazione del rapporto tra "ambiente costruito" e "ambiente naturale". Ecco cosa fare per vivere in armonia con l'ambiente, risparmiando energia e continuando ad abitare nelle nostre comode case.

 

Risparmio idrico

Mentre in alcune parti del mondo l'acqua manca al punto da condannare a morte intere popolazioni, nel mondo occidentale questo bene primario si spreca.

Per ottimizzare l'utilizzo dell'acqua in ambito domestico si può puntare sul recupero dell'acqua piovana e delle acque grigie, attraverso sistemi di raccolta, filtraggio, distribuzione.

 

Se si risiede in zone non inquinate, l'acqua piovana può essere utilizzata per i lavaggi in lavatrice o per gli scarichi del wc. Mettete una bottiglia di plastica da un litro nella cassetta dell'acqua senza etichetta ed ermeticamente chiusa, oppure installate un sistema con doppio pulsante di scarico: il risparmio d'acqua sarà immediato. L'acqua piovana consente un uso efficiente degli impianti idraulici e della rubinetteria perché contiene meno calcare.

Dotando i bagni di miscelatori aria/acqua per la rubinetteria si può ridurre il consumo ed evitare un precoce logoramento degli impianti. Potete innaffiare le piante con l'acqua che avete usato per lavare frutta e verdura. Gli impianti fotovoltaici consentono il riscaldamento dell'acqua senza ulteriori sprechi energetici.

 

Per tenere d'occhio eventuali inefficienze del vostro impianto idrico, potete eseguire dei controlli periodici attraverso il vostro contatore: se tutti i rubinetti sono chiusi e il contatore continua a girare, significa che c'è una perdita da rintracciare e riparare.

 

Risparmio energetico

Parola d'ordine: non disperdere il calore. L'isolamento termico infatti è già un risparmio sul consumo di energia domestico. Esiste anche una direttiva nazionale che indica i requisiti minimi d'isolamento termico da applicare nelle case. Anche i materiali usati per la costruzione possono incidere sul tasso di biocompatibilità. Per chi decide di progettare la propria casa secondo i dettami della bioedilizia, l'Agenzia delle Entrate prevede agevolazioni fiscali, variabili a seconda della regione di riferimento

 

Per risparmiare energia mentre riscaldate la casa, ecco alcune cose da ricordare:

 

* Tenete sempre puliti i radiatori affinché siano sempre efficienti

* Non tenete le finestre aperte troppo a lungo con il riscaldamento acceso

* Mantenete sempre la temperatura interna della casa tra i 20 e i 22 C°: oltre all'ambiente, anche voi trarrete beneficio da questo accorgimento. Infatti in questo modo si riduce il rischio di contrarre patologie dovute agli sbalzi termici. Nelle ore notturne è preferibile tenere spenta la caldaia: la temperatura si assesterà naturalmente intorno ai 18 C°.

* Evitate le stufette elettriche: consumano 2,5 volte più energia primaria dei sistemi a combustibile

* Tenere chiuse le porte delle stanze non utilizzate per evitare inutile circolazione di aria fredda.

 

Non sono le luci accese nelle stanze vuote a incidere sulla bolletta, ma gli elettrodomestici che usiamo quotidianamente: l'impatto di tutti questi oggetti sull'importo della bolletta è dell'80%. Al primo posto tra i responsabili dello spreco energetico c'è lo scaldabagno: se è possibile, meglio installare una caldaia. Se già ne avete una, sappiate che è proprio lei che indica se la casa ama l'ambiente. La manutenzione garantisce una perfetta efficienza e un consumo equilibrato del gas e e una riduzione del costo in bolletta. Inoltre per essere sicuri di non disperdere nell'ambiente fumi venefici, ogni due anni è necessario procedere all'analisi dei fumi prevista dalla legge.

 

Bioedilizia

La partita fondamentale per l'ambiente si gioca sugli impianti energetici: è necessario sfruttare tutte le fonti di energia rinnovabile a disposizione.

Una casa costruita secondo i principi della bioedilizia deve preservare o favorire la salute dell'uomo. Per fare questo è necessario utilizzare materiali di comprovata origine naturale. Inoltre per rispettare i principi etici alla base di questa nuova disciplina di costruzione è necessario che ci sia un risparmio energetico anche in fase di approvvigionamento e lavorazione.

 

Ristrutturazioni

Se avete deciso di ristrutturare il vostro nido nel rispetto dell'ambiente, fate attenzione ad alcuni punti cruciali:

 

* Installate doppi vetri per garantire un isolamento termico ottimale

* Coibentate le pareti per impedire la dispersione del calore verso l'esterno

* Preferite i pannelli radianti a pavimento ai tradizionali radiatori: in questo modo il calore sale dal pavimento o dalle pareti in modo uniforme, garantendo un riscaldamento ottimale dell'ambiente domestico

* Installate una centralina per il monitoraggio costante della temperatura in casa: se collegata anche alla caldaia del gas, vi consentirà di evitare sprechi energetici non desiderati e di impostare il momento di accensione del riscaldamento domestico secondo le vostre esigenze

* Una volta messi in pratica tutti questi accorgimenti, la caldaia adatta a voi è quella a condensazione, che vi permette di risparmiare il 15-20% del normale consumo di un'abitazione non eco-compatibile.

 

 

E per chi non può più incidere sull'eco-compatibilità della propria abitazione, ecco alcuni consigli flash:

 

* Preferite lampadine ed elettrodomestici a risparmio energetico

* Il calore dell'acqua non deve superare i 50° C

* Usate acqua già calda per alimentare lavatrici e lavastoviglie

* Spegnere tutte le spie degli elettrodomestici o dei prodotti tecnologici che non usate durante la notte

* Utilizzare la bicicletta se i tragitti da compiere sono brevi. ( Fonte: http://www.finanzaviva.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog