Riserva frazionata e signoraggio

Ci sono due truffe: una e' la riserva frazionata che usano le banche per concedere i prestiti con soldi creati dal nulla, ed una e' il signoraggio vero e proprio operato dalle banche centrali.

 

Un esempio fa meglio capire di che si tratta. Il cittadino versa 100 Euro in una Banca (Locale). Sono 100 Euro reali, veri, "sudati". Questa Banca porta 2 Euro alla Banca Centrale Nazionale (BCN) e si tiene 98 Euro (cash) per le previste (a livello statistico) operazioni di cassa (ad esempio, prelievi di altri correntisti) e per i prestiti successivi. Abbiamo supposto 2 Euro perche' la "riserva obbligata" e' del 2% (in Italia la riserva obbligatoria era del 15% fino alla fine del 1997. In pochi mesi, pero', essa fu portata al 2% per fare fronte alle necessita' del sistema bancario che non aveva piu' fondi per acquistare i titoli del debito pubblico, e per cercare di rilanciare in qualche modo un sistema asfissiato dalla mancanza di liquiditu¡).

In cambio di questo versamento (2 Euro dalla Banca Locale alla BCN), le Banche Locali ricevono l'autorizzazione (da parte della BCN) di prestare 100 Euro pur avendone solo 98 in cassa.
Quindi con i nostri 100 Euro reali la Banca Centrale puo' acquistare 2 Euro di Titoli di Stato e la Banca Locale puo' prestare ancora altri 100 Euro al tasso (per esempio) del 10%. Tali prestiti vengono effettuati scrivendo numeri nel computer che gestisce i conti correnti. Stavolta, per la Banca Locale, sparisce anche il costo tipografico (soldi creati da nulla)! Gli interessi (piu' la restituzione del capitale avuto in prestito) che noi versiamo alla "nostra" Banca Locale sono invece soldi reali in quanto frutto nel nostro lavoro, ossia decine di ore di vita impiegate per determinare un reddito mensile (il nostro stipendio).

Il giochetto viene ripetuto, continuando a prestare, finche' a colpi di 2% degli iniziali 100 euro non rimane piu' nulla. Questo meccanismo, nel mondo economico e' noto con il nome di moltiplicatore dei depositi, normato a livello legislativo. Posto c il valore della riserva obbligatoria. per noi c=2%=0.02 . Con 100 euro si possono prestare 100/c=100/0.02=5000 euro. Per riassumere la banca con 100 euro depositati ne presta 5000.
Margrita' Kennedy, una economista del centro-studi Hermann Institut Deutschland, ha provato a determinare la quota d'interessi che sono pagati (alle banche) per alcuni servizi pubblici in Germania. Per la raccolta dei rifiuti (un'attivita' che impiega poche macchine e molta manodopera), tale quota e' il 12% del prezzo. Per l'acqua potabile, il 38%. Per l'edilizia popolare, il 77%. In media, su tutti i beni e i servizi, paghiamo il 50% di interessi.

Nei tempi medievali, i sudditi pagavano al signore feudale, o alla Chiesa, "la decima", ossia solo il 10% dei loro introiti. Oggi paghiamo cinque volte la decima ai prestatori di capitale.

•Veniamo ora al signoraggio.
Il diritto di "signoraggio" e' il potere del "signore" di emettere biglietti con un valore nominale ampiamente superiore al valore intrinseco e quindi di ricavare un guadagno dalla sovranita' sulla moneta.


Un po' di storia della moneta:
- Gli uomini preistorici erano autosufficienti, ovvero ognuno di loro provvedeva alla propria sopravvivenza. Scambiare oggetti, cioe' barattare, e' stata la prima forma di commercio e nell'antichita' si utilizzava un'economia agricola o naturale e i primi baratti riguardavano i prodotti della terra.

Nel baratto si perdeva piu' tempo ad effettuare lo scambio che nella produzione della merce da scambiare e per rimedio fu necessario aggregarsi in date e luoghi prestabiliti: nacquero i mercati. Nei villaggi le caste si specializzarono per produrre beni specifici da scambiare con altri gruppi. Inizia lo scambio merci organizzato perche' inizia la specializzazione produttiva. Ogni popolo eleggeva un bene/prodotto come valore di riferimento e gli scambi venivano in base ad esso.

- Il metallo-moneta assunse importanza solo con il crescere del commercio esterno verso altri villaggi o regni, per tale motivo i primi popoli che se ne servirono furono quelli conquistatori, che iniziarono ad affiancare la merce-moneta al metallo-moneta. Inizia cosi il passaggio da economia naturale all'economia monetaria. Tale passaggio fu molto lento e distribuito nel tempo, infatti l'economia naturale rimase presente fino al nostro secolo (in Italia nel 1950 1960 la paga dei braccianti agricoli era ancora in parte in natura).
Fino dall'origine della moneta abbiamo visto che l'autorita' locale cercava di avocare il diritto alla produzione di moneta. Se nell'antichita' l'esigenza era solo quella di salvaguardare il commercio stesso ed auto-determinare il proprio potere su altre entita' politiche, ora vediamo emergere altre motivazioni puramente commerciali. Infatti l'aspetto che spinse l'autorita' a monopolizzare la produzione monetaria fu il guadagno che si traeva dal Signoraggio ovvero la differenza tra il valore di una moneta ed il suo valore facciale, o nominale, di mercato. L'accumulo di ricchezza in merce-moneta richiedeva luoghi ove depositarla e custodirla. Gli Orafi furono i primi a diventare custodi per conto dei mercanti da cui ricevevano metalli e preziosi. Il custode compilava una ricevuta di carta. Ad un certo punto gli operatori iniziarono a trasferire la proprieta' della moneta metallica girando la ricevuta di deposito. Nel momento in cui esse iniziarono a circolare e, soprattutto essere al portatore, nacquero la carta-moneta e le banche.
Presto il banchiere/custode capi che non serviva tenere presso di se tutto quanto depositato ed inizio' a concedere credito.

- 1694: l'oro viene trasformato in carta dalla banca d'Inghilterra, il cui fondatore William Paterson, dichiara spregiudicatamente: "Il banco trae beneficio dall'interesse su tutta la moneta che crea dal nulla".

•- 1773: la truffa funziono' al punto che un secolo dopo si trasformo' in cinismo, e nel 1773 Amschel Mayer Rothschild, il fondatore tedesco di tale impero finanziario dichiarava addirittura: "La nostra politica e' quella di fomentare le guerre, ma dirigendo Conferenze di Pace, in modo che nessuna delle parti in conflitto possa ottenere guadagni territoriali. Le guerre devono essere dirette in modo tale che le Nazioni, coinvolte in entrambi gli schieramenti, sprofondino sempre di piu' nel loro debito e, quindi, sempre di piu' sotto il nostro potere".

•- 1885: Marx svela nel Capitale (Libro I, capitolo 24, paragrafo 6, Editori Riuniti, Roma 1974, pp. 817-818) i tratti truffaldini del meccanismo su cui stavano crescendo le banche centrali ("Fin dalla nascita le grandi banche agghindate di denominazioni nazionali non sono state che societa' di speculatori privati che si affiancavano ai governi e, grazie ai privilegi ottenuti, erano in grado di anticipare loro denaro. Quindi l'ccumularsi del debito pubblico non ha misura piu' infallibile del progressivo salire delle azioni di queste banche, il cui pieno sviluppo risale alla fondazione della Banca d'Inghilterra (1694).

La Banca d'Inghilterra comincio' col prestare il suo denaro al governo all'otto per cento; contemporaneamente era autorizzata dal parlamento a battere moneta con lo stesso capitale, tornando a prestarlo un'altra volta al pubblico in forma di banconote. Non ci volle molto tempo perche' questa moneta di credito fabbricata dalla Banca d'Inghilterra stessa diventasse la moneta nella quale la Banca faceva prestiti allo Stato e pagava per conto dello Stato gli interessi del debito pubblico. Non bastava pero' che la Banca desse con una mano per aver restituito di piu' con l'altra, ma, proprio mentre riceveva, rimaneva creditrice perpetua della nazione fino all'ultimo centesimo che aveva dato"), ma questo punto rimane inascoltato dai comunisti stessi.

Oggi, le parti sociali non hanno ancora compreso che la riduzione del potere d'acquisto dei salari non e' imputabile ai datori di lavoro o ai governi, ma alle banche centrali, perche' solo esse hanno il potere di determinare arbitrariamente spinte inflazionistiche o deflazionistiche, costringendo gli imprenditori o a cessare le attivita' produttive o ad accettare la flessibilita', adeguando costi e prezzi alle oscillazioni dei valori monetari che guidano la stessa globalizzazione dei mercati.

In tal modo il principio cardine del regime contrattuale: "Il contratto ha la forza di legge tra le parti" e' rovesciato nel nuovo principio: "La legge ha forza di contratto tra le parti". E la legge della moneta non la fa ne' il datore di lavoro, ne' il governo, ma il padrone dei (nostri) soldi: il governatore della banca centrale. (Quindi le contestazioni relative alla flessibilita', non avrebbero dovuto essere sollevate nei confronti dei datori di lavoro, ma nei confronti delle banche centrali, da governo, datori di lavoro e lavoratori, uniti sullo stesso fronte. Le rivendicazioni sindacali basate sul plusvalore sono ormai impossibili perche', con la globalizzazione dei mercati, viene meno la possibilita' di un ragionevole affidamento sulla esistenza stessa del profitto. E cio' e' confermato dalle imponenti crisi economiche, ad es., nel settore automobilistico).

•- 22 luglio 1944: gli Stati del mondo disegnano un nuovo sistema monetario in un'anonima localita' americana, Bretton Woods. In questo nuovo sistema, tutte le monete erano convertibili nel dollaro e solo questo era convertibile in oro. Allo stesso tempo venne istituito il Fondo Monetario Internazionale (FMI), con lo scopo di venire in soccorso a quei paesi che non potevano sostenere la parita' determinata a Bretton Woods tra le monete.

Tali accordi ebbero principalmente tre conseguenze: 1) gli Stati Uniti cominciarono a stampare piu' dollari che giornali, dato che era la loro moneta a garantire l'equilibrio del sistema; 2) tutti gli Stati del mondo costituirono riserve per l'emissione di banconote utilizzando dollari, di cui c'era sul mercato finanziario una grande offerta (all'inizio degli anni Settanta, l'80 per cento delle riserve valutarie di tutti gli stati del mondo erano costituite da dollari; 3) il FMI controllava le politiche economiche di tutti i paesi del mondo attraverso il ricatto della leva monetaria. Stati Uniti ed Inghilterra avevano contribuito con l'80% di propri versamenti alla costituzione del FMI, e pertanto ne condizionavano l'attivita' in maniera determinante. Il sistema resse senza particolari scossoni fino al 1970. Ogni tanto il FMI interveniva a "aiutare" paesi in difficolta' con il cambio della propria valuta, obbligandoli a politiche keynesiane per renderli piu' docili e sottomessi agli interessi delle potenze occidentali.

Lincoln e Kennedy ebbero il coraggio di far battere moneta al governo. Ma ambedue pagarono caro. Lincoln creo' le banconote "green-backs", e venne ucciso poco dopo, nel 1865. Durante la guerra civile americana, i Rothschild di Londra finanziarono il Nord, e i Rothschild di Parigi il Sud. Per ridurre il livello del debito che il suo governo avrebbe affrontato, Lincoln fece quel denaro. Le banconote "green-backs" erano come dovevano - e come dovrebbero essere -, e cioe' prive di interessi bancari. Cio' si rilevo' potenzialmente disastroso per le banche, e se la cosa fosse continuata dopo la guerra e si fosse diffusa in altri paesi, le banche e i banchieri avrebbero perso il loro potere. Lincoln fu assassinato da John Wilkes Booth che, secondo alcuni studiosi, era un agente della Casa Rothschild. Dopo la morte di Lincoln cesso' ovviamente anche la stampa dei green-backs.

Kennedy propose la stessa soluzione e subito dopo fu anch'egli ucciso a Dallas, in Texas, nel 1963. I suoi obiettivi principali erano di prendere il controllo della moneta della nazione, togliendola dalle mani delle Banche della Federal Reserve e di terminare cosi la guerra in Vietnam. Il vero motivo del suo assassinio e' percepibile ad ogni essere umano pensante. Dopo quello storico omicidio il vicepresidente J.B.Johnson, appena assunta la carica di Presidente, ordino' infatti il ritiro di tutte le banconote fatte stampare da Kennedy. Kennedy aveva infatti ordinato l'emissione, da parte del Tesoro, di 4.292.893.815 dollari, con banconote che non riportavano più grave la scritta "Federal Reserve Note", ma quella, invece, di "United States Note".

•- Il 7 Febbraio 1992 viene firmato il Trattato di Maastricht (entrato in vigore il 1 Novembre 1993) in base al quale vengono fissate le tappe per giungere alla moneta unica. Salutato dai Governi dei dodici Paesi, dai politici d'Europa e dalla stampa mondiale come una "svolta storica", come il compimento maturo e irreversibile del processo di integrazione monetaria ed economica, il Trattato di Maastricht e' il passo decisivo verso la creazione di un grande mercato interno (Ma non dice di chi e' l'euro e la BCE lo presta ai cittadini di eurolandia).

•- Il 1 gennaio 2002 l'euro diventa moneta corrente per oltre 300 milioni di europei in dodici paesi dell'Unione.

Adesso la BCE comunica a Bankitalia quanti euro stampare e poi li presta allo Stato.

Neanche si riesce a pensarlo ma una volta sottratto il signoraggio alle Banche Centrali (che lo esercitano per consuetudine) si potra' non solo ripianare il debito ma anche distribuire una quantita' uguale a quanto stampato ai cittadini (in Brasile dal 01 gennaio 2005 si e' iniziato a corrispondere mensilmente il reddito di cittadinanza (RDC), cioe' a ciascun cittadino in quanto tale, a partire dagli appartenenti alle classi piu' povere, e poi con il tempo anche a quelli delle altre classi meno disagiate). ( Tratto da: http://informazionesenzafiltro.blogspot.com)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog