Provincia di Lodi, a che gioco giochiamo?

http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSyrx_ic8KE_XC-sfRBObDg1inAi_6s2sld5R0YRbshsnnSmJK1Ww&t=1La legge 10/1991 art 31 impone il controllo di esercizio e manutenzione degli impianti termici: i comuni con più di 40000 abitanti e le province per conto dei comuni minori effettuano i suddetti controlli. Successivamente sono stati emessi decreti e delibere regionali per precisare come e quando i controlli devono essere svolti; essi mirano a verificare: sicurezza ambientale interna, rispetto dell’ambiente esterno con attenzione per l’inquinamento atmosferico, risparmio energetico, rendimento di generatori e impianti.

La Provincia di Lodi è proprietaria, per la quasi totalità, di EAL spa che si deve occupare di energia e ambiente nel territorio lodigiano.

La Provincia di Lodi (delibera C.P. 11/2001) ha avviato la prima campagna di controllo degli impianti e la realizzazione del catasto informatico degli impianti attraverso la costituzione dello Sportello energia della provincia di Lodi; successivamente (delibera G.P.11/2006) la gestione dello Sportello energia veniva riaffidata a EAL Service srl

Il Comune di Lodi ha affidato alla Provincia di Lodi (delibera C.C. 46/2006) l’incarico di pubblico servizio per l’organizzazione dello Sportello energia e l’attuazione della campagna di controllo degli impianti termici per la città di Lodi.

EAL spa è proprietaria per il 51% di EAL Service srl: il restante 49% è stato venduto nel 2006 ad una associazione di imprese lodigiane; con la vendita del 49% di EAL Service srl sono stati incassati 550000 euro, non poco se si considera che il capitale sociale dell’azienda ammonta a 10000 euro e che l’entità industriale di EAL Service srl è costituita dalle teste (conoscenze tecniche, amministrative, capacità gestionale, visione progettuale d’impresa) di solo tre persone che lavorano come dipendenti.

L’incarico contrattuale affidato da Provincia di Lodi a EAL Service srl per la gestione di Sportello energia è scaduto il 3/7/2010 e quindi a quella data sono anche terminati i controlli sugli impianti termici esistenti nel territorio lodigiano.

L’attuale amministrazione provinciale, in carica dal giugno 2010, non ha provveduto finora a rinnovare l’incarico a EAL Service srl (che è in pratica di sua proprietà per il 51%) per la gestione di Sportello energia, né si sta operando per definire una bozza di incarico da sottoporre al CDA di EAL spa, EAL Service srl e al Consiglio provinciale.

Nel frattempo, in una situazione di elevato inquinamento atmosferico come quella che subiamo, nessuno sta operando controlli sulla sicurezza/rendimento degli impianti e questo nonostante obblighi di legge esistenti a carico delle Amministrazioni pubbliche.

A che gioco sta giocando l’Amministrazione provinciale di Lodi? Ha forse intenzione/interesse ad affidare a qualche amico la gestione di un servizio finora attuato da un’azienda a maggioranza pubblica? Non ha la capacità imprenditoriale/amministrativa di risolvere una semplice questione di contratto industriale? E’ in atto uno scontro interno fra apparato politico e quello dirigenziale?

Certo che oltre alle roboanti ma povere parole che trovano spazio sulla stampa locale, questa amministrazione provinciale non sta combinando gran che se non consumare un po’ di ricchezza.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog