Pensione militari: arriva lo scivolo d’oro. Stipendio senza lavorare per dieci anni

http://www.finanzainchiaro.it/wp-content/uploads/2013/11/militari-biliardo.jpgTutta colpa della spending review sulle forze armate. La nuova legge – portata alla ribalta da un’inchiesta del Corriere della Sera – voluta da Giampaolo Di Paola, ministro della Difesa nel governo Monti dal 18 novembre 2011 al 28 aprile 2013, nasconde un “bel colpo” per la categoria.

Nella norma sarebbe previsto uno scivolo d’oro che garantirebbe ai 50enni l’esenzione dal servizio di dieci anni con l’85% dello stipendio. Una sorta di bonus decennale.

LA NORMA

La spending review sulle forze armate passa attraverso tre punti cruciali: il passaggio del personale ad altro ministero, il prepensionamento e, soprattutto, l’«esenzione dal servizio», comma sesto dell’articolo 2209, il punto più controverso nella disciplina del periodo transitorio: dai 50 anni in poi (dieci anni prima del congedo) si può entrare in un magico limbo, lo «scivolo d’oro» appunto, grazie al quale si conserva l’ottantacinque per cento dello stipendio senza lavorare più nemmeno un solo giorno, con tanto di pensione piena; non è esclusa neppure la facoltà di fare altri lavori (il reddito non si cumula).

Tutto questo a carico della spesa pubblica e quindi delle nostre tasche. Speriamo che questo nuovo “scandalo” venga fermato in Parlamento. Il codice deve essere inserito nel codice dell’ordinamento militare a meno che Camera e Senato non si mettano di traverso. Speriamo bene!!

Per approfondimenti visita FinanzaUtile

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog