Paolo Barnard, i suoi libri

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

http://s2.macrolibrarsi.it/data/autori/big/paolobarnard.jpg?1298883401Giornalista e saggista, ha lavorato per innumerevoli testate nazionali fra quotidiani e periodici, per la televisione in RAI, per riviste di cultura, per agenzie di stampa, per testate online. Esperto di politica estera. Ha scritto libri su terrorismo internazionale, Palestina e Israele, e sull’umanizzazione della Medicina. Ha tenuto conferenze per anni in giro per l’Italia sui temi delle sue inchieste (quelle di Report, RAI) e sul suo impegno come attivista per un ‘mondo migliore’. Nella vita ha fatto forse più volontariato che giornalismo, in campi diversi come i Diritti Umani, l’esclusione sociale, la lotta alla povertà nel mondo, l’aiuto agli ammalati terminali, l’impegno civico. Ha vissuto in Gran Bretagna e in parte negli USA.
Mai iscritto a un partito, mai appartenuto a gruppi d’interesse legati al potere, mai raccomandato; non ha mai fatto carriera, non all’interno del Sistema né nelle nutrite fila dell’ Antisistema (che richiede la medesima omologazione). Ha un attaccamento fortissimo al senso di giustizia, dice ciò che pensa sempre, a qualunque costo. Ha pagato e paga per questo prezzi alti, talvolta al limite del sopportabile.
Detesta in modo assoluto la cultura dei ‘personaggi’, la cosiddetta Cultura della Visibilità (leggi Vip), sia quella massmediatica propria del Sistema che quella ‘antagonista’ del nostro Antisistema. La considera il peggior veleno che sia mai stato inoculato nel tessuto civico italiano, e in generale dei Paesi occidentali. Crede fortemente nella parità di tutti, nell’importanza di ciascuno a prescindere, per lui nessuno conta più di qualcun altro. Mai. Per le sue idee e per ciò che ha fatto sta molto antipatico al Sistema e ancor di più all’Antisistema.

 

http://s2.macrolibrarsi.it/data/cop/_big/p/perche-ci-odiano.jpg?1342707523Perchè ci Odiano

Eppure leggendolo si capiscono parecchie cose. Per esempio come si può essere oggi giornalisti. E perchè non riusciamo a trovare la strategia giusta per combattere il terrorismo. Come sempre sono i fatti, le testimonianze, i documenti, le storie delle persone che fanno la realtà e le cose. Poi ci sono gli editorialisti, i politologi, i politici, gli esperti che ogni giorno ci introducono alla difficile arte della guerra. Ma quelle sono parole, esercizi e acrobazie dialettiche.

Qui il lettore viene accompagnato dall'autore a verificare che cosa è successo in quelle parti del mondo che oggi sono a noi nemiche e che ieri noi abbiamo usato per interessi di parte.

Abbiamo sfigurato la realtà e non lo diciamo, anzi, facciamo finta di niente.

Quello che è stato fatto dalle democrazie occidentali è alla radice del terrorisnmo che oggi ci annichilisce.

Barnard ricostruisce i crimini commessi in Cecenia, Palestina, America Latina, Indonesia, Africa: milioni di innocenti ammazzati e da noi dimenticati.

Queste pagine obbligano a prendere coscienza di una realtà che fa male: il terrorismo lo abbiamo inventato noi, qui ci sono le prove. Leggete questo libro e fatelo leggere contro l'indifferenza dei mass media.

Perchè ci Odiano
BUR
Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere

http://s2.macrolibrarsi.it/data/cop/_big/d/duepesiduemisure.jpg?1342769470Due Pesi e Due Misure

Uno dei più bravi e coraggiosi giornalisti italiani, della redazione di Report RAI 3, affronta un tema attuale e scottante: il primo passo verso la pace in Medio Oriente è riconoscere che non c'è solo il terrorismo palestinese.

Si tratta di fascicolo inedito sul quale non possiamo applicare nessun tipo di sconto in quanto il prezzo è imposto dall'editore.

Molti testi pubblicati da Andromeda vengono riprodotti su ordinazione (just in time), e cioè realizzati in stampa laser, volta per volta, e non litografica o tipografica.

Due Pesi e Due Misure Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: