«Noi i veri eredi del grana lodigiano. Diffidate dalle imitazioni del Cremasco»

Non vogliono dichiarare guerra a chi porta in giro per il mondo il marchio “Bella Lodi”. Ma mettere i puntini sulle “i”, questo sì. I produttori del territorio che si stanno impegnando per cercare di portare avanti la tradizione del grana lodigiano intervengono a muso duro per difendere il loro lavoro da tutti gli “attacchi esterni”.

 

A far saltare la “mosca al naso” alle aziende lodigiane è stata la vetrina che si è presa nei giorni scorsi l’industria Casearia fratelli Pozzali che a Casaletto Ceredano, nel cremasco, produce 50.000 forme all’anno (un terzo delle quali vendute all’estero) di grana con la crosta nera e marchio Bella Lodi diventate in pochi anni un prodotto che viene presentato e venduto pure in prestigiose fiere gastronomiche internazionali.

 

«Si deve sapere che questo formaggio non ha nulla a che vedere con il territorio Lodigiano — sottolinea Ambrogio Abbà, titolare del Caseificio Zucchelli di Orio Litta —. Il territorio ha una storia e caratteristiche molto precise. È stato bonificato nel basso Medioevo, grazie all’opera dei frati. Ci sono ancora oggi tantissime testimonianze dell’epoca. La stessa cascina dove io oggi produco il mio formaggio era dei frati Gerolomini che avevano il Noviziato a Ospedaletto Lodigiano. I miei predecessori trasformavano il famoso cacio lodigiano, una specialità unica solo in questa fascia di territorio compresa tra il Lambro, il Po e l’Adda, vocata per la ricchezza di foraggi e di acqua. Codogno era il centro della stagionatura. Maria Luisa d’Austria portava il nostro formaggio a Parma e lo preferiva a quello di quelle zone. All’inizio del Novecento la tradizione si è persa e il latte è stato tolto alle aziende agricole per farlo arrivare alle industrie. Io sono lattaio da cinque generazioni. Per il nostro caseificio, ritiriamo il latte da stalle che distano al massimo 7 chilometri. La più vicina è a 500 metri. Il prodotto per essere tipico deve essere legato al territorio, in questo sta tutta l’autenticità. Dieci anni fa io e qualche mio collega abbiamo provato a recuperare la tradizione. Siamo andati nella ceppoteca dell’istituto lattiero-caseario e abbiamo ricostruito tutte le procedure di una volta. Da qui l’idea del marchio Lodigiano Terra Buona. La Provincia ci ha dato una mano e ha fatto un disciplinare ad hoc».

 

Abbà riferisce anche che il Grana Padano ha vietato di concedere il suo marchio al prodotto. «Quindi abbiamo dovuto optare per Grana Tipico — spiega —. In una delle nostre 10 stalle siamo tornati a mettere le vacche Bruno-Alpine, quelle che di una volta. Usiamo il foraggio secco. Produciamo 6 forme al giorno, solo da ottobre a giugno, così evitiamo i mesi più caldi in cui il latte rischia di essere più scadente. Il grana lodigiano ha un sapore molto aromatico, vellutato. Lo facciamo stagionare 18 mesi. Nulla non ha a che vedere che altri che di Lodi, usano solo la tradizione senza rispettare nulla della vera storia locale. I politici ci devono proteggere».

 

Sulla stessa linea di pensiero Alberto Dedè dell’omonima azienda agricola di Borghetto Lodigiano. «Nulla da dire sull’abilità imprenditoriale dei produttori del “Bella Lodi” però non deve essere chiaro che c’entra nulla con la provincia di Lodi — afferma —. Usano latte termizzato (ossia trattato termicamente), mentre invece è bisogna usare quello crudo. Io il mio formaggio lo esporto in Giappone. C’è uno chef che lo trova il migliore in assoluto e da circa 8 anni lo porta nel Paese del Sol Levante e lo usa nelle sue lezioni di cucina italiana in diversi ristoranti di Tokyo. La nostra forza è la filiera. Nella mia azienda produco 10-12 forme di grana lodigiano al giorno per circa 360 giorni all’anno. Oltre ad andare in Giappone, il mio prodotto piace molto nel mercato lodigiano, in quello milanese, nel Pavese e nella Brianza. Ci dispiace vedere che c’è chi usa il nome Bella Lodi e sfrutta una tradizione che non gli compete». ( Fonte: www.ilgiorno.it)

Autore: Tiziano Troianello

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog