Montezemolo: chiacchiere dal Governo e dalla Lega

«Umberto Bossi è molto abile a lanciare proclami e provocazioni» ma la sua Padania resta «immaginaria»; la verità è che lui, e l'attuale governo, hanno fatto molto poco, per lo più «chiacchiere». Queste pesanti accuse sono arrivate al Carroccio dal sito di Italiafutura, l'associazione molto vicina a Luca Cordero di Montezemolo.

 

Italia Futura vede nel leader della Lega il corresponsabile «in questi sedici anni delle non scelte che hanno portato il paese ad impoverirsi materialmente e civilmente» e lo contrappone all'operosità degli industriali.

 

Scrive il sito dell'associazione di Montezemolo: «Ha ragione Bossi: in Italia,e in particolare nella sua Padania immaginaria, la chiacchiera va per la maggiore e delle parole a vanvera di una classe politica screditata gli italiani ne hanno piene le tasche. In particolare quelli che lavorano e producono (e al convegno di Genova della Confindustria ce n'erano tanti).

Quegli italiani che, a differenza di Bossi, tengono in piedi il paese con i fatti e non con le parole» L'affondo di Montezemolo ha scatenato la reazione compatta della Lega e della maggioranza: segno evidente che le critiche colgono nel segno. «Dov'è la novità? La novità - ha ribattuto il ministro della Difesa e coordinatore del Pdl Ignazio La Russa - ci sarà quando Montezemolo si candiderà e si misurerà con i voti. Così vedremo quanti consensi è in grado di raccogliere». Più caustico il leghista Roberto Castelli, secondo cui l'ex presidente di Confindustria «fa parte di quella categoria di imprenditori che hanno fatto ottimi affari con i governi di centrosinistra. Evidentemente con noi non riesce a rifarli». Per Maurizio Lupi (Pdl), vicepresidente della Camera, è solo una questioni di voti :«Prima di dare lezioni, vada a farsi votare dai cittadini. Probabilmente non prenderebbe neppure tutti i voti dei tifosi della Ferrari». Stesso menù da Osvaldo Napoli, anche lui Pdl:«Mai una volta che questi signori con l'indice perennemente alzato abbiano scelto di sporcarsi le mani confrontandosi con gli elettori. Sfido Montezemolo a raccogliere metà dei consensi della Lega di Umberto Bossi».

Da palazzo Madama incalza un fedelissimo del 'senatur', Piergiorgio Stiffoni:«La gente ne ha piene le scatole? Certamente, dei pseudo industriali, di un sindacato come la Confindustria e dello stesso Montezemolo, il re nudo. Il nostro popolo leghista è il motore del cambiamento contro chi vuole un Paese morto». L'intervento di Montezemolo, come altri precedenti, sembra orientato a mettere un piede in politica per saggiare il terreno e circoscrivere il campo di atterraggio. Come dire: mai alleato di Bossi e di chi ci va a braccetto. ( Fonte: www.leggo.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog