" Ma il Lodigiano è in assetto di guerra? " Una riflessione Don Luigi Gatti, Parroco di Turano Lodigiano

Mi dicono che Vendola alla televisione, io non la vedo da 6 mesi perché mi addormento alle 10 di sera, abbia fatto notare il paradosso tutto italiano di scaldarsi per il feto ma di non muovere un dito per il posto di lavoro dei poveri operai. L’uno e l’altro direi anche se è’ vero che da mesi sappiamo tutto di amanti e di case mozzafiato mentre molti a fatica riescono a pagare il mutuo.

 

Lo sto seguendo il Vendola soprattutto da quando va dicendo che ci vorrebbero più Vescovi alla Tonino Bello – pugliese, morto prematuramente - di cui dice di essere stato discepolo.

 

Vorrei anch’io spezzare una lancia a favore della gente perché ce la mettiamo tutta a renderle la vita impossibile anche con i massicci controlli che, a parte i costi , ci fanno sembrare un Paese in guerra. Nella nostra terra laudense ci sono ben sei corpi che possono multarci: carabinieri, polizia locale e intercomunale, polizia stradale, finanza, polizia provinciale e polizia forestale. Per non dire del parco macchine di altre aziende che con calma si aggirano.

 

L’altro giorno c’erano la finanza allo svincolo della cava di Turano e la polizia forestale più a sud alla rotonda della Colombina. Proprio come i Paesi ad alta concentrazione malavitosa.

 

…Un sabato di settembre dovendo sostituire un confratello per la messa vigiliare, ho parcheggiato in piazza della Chiesa a Secugnago dove un cartello prevede la sosta di un’ora ad eccezione di funerali, matrimoni e battesimi. Va da sé che una messa festiva possa durare più di un battesimo quindi non ho controllato il disco orario multa , pagata..

 

Un Sabato sera alle ore 20 in una affollata pizzeria data l’ora , entrando mi accorgo che il gestore non mi saluta neppure tanto è tirato, mentre sottovoce mi dicono che ci sono quattro signori in borghese che stanno facendo passare una pila di documenti circa il personale , le norme igieniche le licenze….. Mentre aspetto la pizza entra pure un carabiniere che chiede, gentilmente, al pizzaiolo di dire ad un avventore seduto a tavola con la bambina, di mostrare i documenti. Normali controlli direte.

 

In due anni ho preso quattro multe nella zona del carcere di Lodi, dove lavoro, a cura dell’omino con baffi, occhiali scuri e cappello sulle ventitre la cui solerzia era legata alla percentuale che incassava per ogni multa . Da alcuni mesi gli ausiliari del traffico non hanno più competenze su queste strisce e quindi posso sforare di una decina di minuti dopo la pausa pranzo sapendo che i vigili a quell’ora sono impegnati altrove…Le amministrazioni non possono pensare di fare cassa solo con le multe a causa dei “ tagli” del governo….Tremonti.. Taglino piuttosto non sul sociale ma su qualche festa del pisello piuttosto che del fagiolo con l’occhiello, della patata piuttosto che della castagna, le quali sono di una noia terribile, che se sospese qualche anno-ma anche per sempre non muore nessuno, tanto le fanno anche all’oratorio.

 

Conclusione.

Questo stato di di insoddisfazione e di rabbia porta all’individualismo, ad una confusione totale anche a livello politico nei giovani i quali dicono di votare coloro che a parole difendono le tradizioni locali contro Roma ladrona e invece in questi poteri locali ci sguazzano….Mentre sembra a noi di curare la padania qualche caimano nuota sott’acqua e sta comprando il mondo, come Murdock che risulta a destra in Inghilterra, a sinistra in Italia e immagino al centro in America (cfr. Daniele Manca “Corriere della Sera” venerdì 15 u.s.)

Questo è pure un paradosso tutto italiano, caro Vendola.

Autore: Don Luigi Gatti - Parroco di Turano Lodigiano

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog