Lodi: si accende la «città del sole». Energia verde in cinquanta strade

  • oleg
  • Lodi

Presto i lampioni di Lodi funzioneranno a energia solare. Sarà questa la prima novità del progetto di illuminazione ecologica messo a punto dal Comune in collaborazione con la Regione, che ha assegnato un contributo di 500 mila euro su una spesa complessiva di 715 mila. Per cominciare a Lodi saranno collocati in cinquanta vie 366 lampioni a basso consumo energetico, che verranno alimentati da pannelli solari.

 

Con questa operazione il Comune prevede di ottenere minori consumi di energia elettrica pari a 166 mila kilowatt all’ora e un taglio di 115 tonnellate alle emissioni in atmosfera di anidride carbonica.

 

MENO EMISSIONI DI CO2 - Il progetto si chiama fossil free ed è curato dalla società Domec, ma rientra in un piano di illuminazione «pulita» più ampio. L’anno scorso Lodi è stata infatti uno dei primi capoluoghi di provincia in Italia a dotarsi di una serie di lampade a led, i diodi a emissione di luce. «Le iniziative di adeguamento e modernizzazione degli impianti di illuminazione pubblica già realizzate», sottolinea l’assessore all’Ambiente, Simone Uggetti, «hanno permesso una riduzione dei consumi annui di energia elettrica pari a 920 megawatt all’ora e una diminuzione delle emissioni di anidride carbonica di 480 tonnellate, grazie all’adozione di soluzioni tecnologiche che a fronte di un maggior potere illuminante richiedono minori fabbisogni energetici. Con questo nuovo progetto faremo un ulteriore passo in avanti, alimentando tutti gli impianti con energia prodotta da fonti rinnovabili».

 

PROGETTO - I circa 200 mila kilowatt all’ora annui necessari per l’alimentazione dei 366 punti luce che verranno rinnovati saranno infatti ottenuti dalla produzione di energia elettrica garantita dai 3.850 metri quadrati di nuovi impianti fotovoltaici installati sulle superfici di alcuni edifici di proprietà comunale (otto scuole, il Palazzo di giustizia, il palazzetto dello sport e l’ex Linificio), che complessivamente genereranno oltre mezzo milione di kilowatt all’ora all’anno, equivalenti a minori emissioni di anidride carbonica per 317 tonnellate. Il progetto prevede interventi su circa cinquanta vie cittadine, con particolare riferimento al centro storico ma estensioni anche in altri quartieri, da San Fereolo a Porta d’Adda fino a Porta Cremonese. In tema di risparmio energetico il Comune ha provveduto negli ultimi anni anche alla distribuzione gratuita alle famiglie di 22 mila lampade a basso consumo. ( Fonte: www.corriere.it)

 

Autore: Caterina Belloni

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog