Lodi elezioni. Simone Uggetti: un'idea di AMBIENTE

  • Cronache Lodigiane
  • Lodi

http://www.simoneuggettisindaco.it/wp-content/themes/uggetti/images/testa_ambiente.jpgRiceviamo e pubblichiamo.

Diminuzione dell’inquinamento atmosferico, aumento della raccolta differenziata, potenziamento del patrimonio arboreo, incremento delle aree verdi pubbliche attrezzate, sviluppo della rete di piste ciclabili e delle zone a prevalente mobilità pedonale: il miglioramento della qualità ambientale è determinante per la qualità della vita in città. L’obiettivo è centrale nel programma e rappresenta una linea guida trasversale a ogni attività. 
Tra le iniziative principali:

 - Riqualificazione del Parco dell’Isola Carolina: la più grande area verde attrezzata della città verrà recuperata come già avvenuto per i Giardini del Passeggio, con un intervento che ne valorizzerà il pregio ambientale e ne migliorerà la fruizione;

 - Parco del Pulignano e Selvagreca: il primo diventerà un autentico “polmone” per Lodi, tutelando e portando alla fruizione pubblica un’area attualmente privata di circa mezzo milione di metri quadrati alle porte del centro abitato; in zona Selvagreca, l’impegnativo lavoro di bonifica già realizzato permetterà il rilancio in funzione ricreativa, sviluppando la vocazione a parco dell’area attorno al complesso degli orti sociali di imminente inaugurazione;

 - Mobilità sostenibile: la rete di collegamenti sulle due ruote sarà ulteriormente estesa e articolata all’interno dell’area urbana e nei contesti naturalistici ai suoi margini (in particolare in prossimità del fiume); verrà potenziato il car sharing, individuando nuovi parcheggi dedicati in posizioni che favoriscano l’interscambio con i trasporti pubblici e la penetrazione del servizio in nuove aree della città; saranno previsti agevolazioni e incentivi per l’uso dell’auto elettrica;

 - Risparmio energetico: Lodi dovrà confermare e consolidare la sua posizione di eccellenza nel campo della produzione di energia da fonti rinnovabili. Il primo obiettivo è coprire la quota prevalente del fabbisogno energetico di edifici pubblici e illuminazione pubblica con elettricità “fossil free”, oltre a introdurre misure di razionalizzazione ed efficienza che consentano di ridurre i consumi a parità di prestazioni. Lodi è stata una delle prime città italiane a sottoscrivere il Patto europeo dei Sindaci, che mira a ridurre le emissioni di CO2 del 20%: un importante contributo potrà giungere dallo sviluppo dell’edilizia sostenibile, con la realizzazione di edifici meno “energivori” e in grado di produrre surplus di energia.

 - Infine, restituire il fiume alla città, questo l’intento del progetto di difesa spondale avviato in questi anni e quasi giunto al termine, con il completamento dell'argine che dal ponte napoleonico arriva al quartiere Martinetta. L'idea è quella di dotare l’area di percorsi naturalistici, ciclabili e pedonali, garantire la presenza di punti di divertimento e ristoro e facilitare l’attracco delle imbarcazioni alle rive.

Simone Uggetti

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog