Lectio magistralis sul bunga bunga. Ma alle battute di B, non ride più nessuno

http://www.ilfuturista.it/images/resized/images/stories/silviorisate_200_200.jpgOrmai è fuori controllo. Il presidente del Consiglio, che ha trasformato la sua vita e la nostra politica in una barzelletta senza fine e senza fondo, dà di nuovo il meglio di sé. E racconta ancora una volta storielle e barzellette, naturalmente a base di sesso e pruriginosi doppi sensi, e naturalmente in pieno stile caserma anni cinquanta.

 

Ma stavolta, dopo aver deliziato gli amministratori locali con l’ormai celebre “altra metà della mela”, intrattiene una platea di giovani ragazzi (e soprattutto ragazze), freschi di laurea al “Campus mentis”. Prima le solite storie su come vendere se stessi, sul look migliore per conquistare la gente, sulla fiducia, sull’ottimismo, sul sole in tasca. Poi si parte con i temi hard. “Siete così brave che mi viene voglia di invitarvi al bunga bunga”, dice il premier a due neolaureate. E poi una bella barzelletta sul sesso orale (ecco il video).

 

Eppure la platea sembra non gradire. Non ride nessuno, gli studenti (e le studentesse, soprattutto) mostrano imbarazzo. Altrettanto la ministra Meloni. Forse pensavano di sentir parlare di lavoro e meritocrazia, di immigrazione e di sviluppo, di politica internazionale e di economia. Invece il Cavaliere ha offerto una indimenticabile lectio magistralis sul bunga bunga. Ovvero l’unica materia su cui, in questo tramonto della sua storia politica, può dare lezioni. ( Fonte: www.ilfuturista.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog