Le sigarette modificano 323 geni

Il fumo modifica il dna. Le sigarette intervengono su 323 geni del nostro corredo bilogico, modificandone l'espressione. Secondo i ricercatori della "Southwest Foundation for Biomedical Research" di San Antonio, vagliando il comportamento di 1.240 persone, di cui 297 affette dal vizio del tabacco, il sistema immunitario esposto al fumo andrebbe in tilt, provocando cancro, morte cellulare e danni al metabolismo.

 

Nella prospettiva della scoperta scientifica sui meccanismi genetici e molecolari "si tratta di un lavoro interessante - ha detto Piergiorgio Zuccaro, direttore dell’Osservatorio Fumo alcol e droga dell’Istituto Superiore di Sanità - in quanto aggiunge conoscenza sulle dinamiche con cui il fumo scatena una serie di malattie". Riferisce Zuccaro che col fumo si lascia entrare nei polmoni e in tutte le parti del corpo almeno 4000 sostanze di cui 80 cancerogene. Fumare 20 sigarette al giorno per un anno corrisponde all'esposizione di una quantità di raggi pari a 300 radiografie.

Anche la ricerca condotta presso il "Wellcome Trust Sanger Institute" di Cambridge, in Gran Bretagna, espone i dati relativi ai geni: in media ogni 15 sigarette fumate, nel Dna compare un difetto genetico, ossia una mutazione che porta al cancro. In America, i ricercatori hanno dimostrato che oltre al danno sui geni, sopravviene un danno funzionale: le sigarette intaccano l'"espressione dei geni". Sono coinvolti i geni del sistema immunitario, quelli collegati alla morte cellulare programmata, quelli collegati a determinati tumori e i geni del metabolismo di particelle estranee. ( Fonte: lavoceditalia.it)

Autore: Nelson Corallo

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog