La tratta del legname

http://www.soldielavoro.it/pictures/20110515/saperlo_come-diventare-scultore-del-legno.jpgSe serve un nuovo tavolo da pranzo, sarebbe meglio comprarlo di seconda mano o, potendo, prendere un mobile antico. Si eviterà così di contribuire alla distruzione delle foreste tropicali. Oggi, i paesi occidentali importano, a un prezzo basso, grandi quantità di legno tropicale.

La Gran Bretagna è il maggiore importatore di legno di provenienza illecita in Europa. Il mercato nero è alimentato dalla materia prima proveniente da aree protette in Asia, Africa e America Latina. Il taglio degli alberi avviene senza autorizzazione e danneggia le comunità locali, oltre a minacciare l’ambiente. Una parte del legname viene invece da piantagioni illegali, che sono altrettanto dannose.

Per il consumatore non è facile districarsi: per individuare la provenienza del legno servirebbe l’abilità di un detective. Dal 2013, quando entrerà in vigore una nuova regolamentazione dell’Unione europea, il compito dovrebbe diventare più facile. Oggi, di 40 produttori di mobili per la casa e il giardino in Gran Bretagna, solo otto aziende rifiutano le forniture di origine illegale e favoriscono la materia prima sostenibile e certificata. La maggior parte delle aziende, una ventina, non ha una politica per la tutela ambientale né fornisce informazioni.

I consumatori potrebbero provare a rivolgersi alle ditte produttrici e chiedere se il legno usato proviene al 100 per cento da una fonte sostenibile. “Data la scala e il ritmo della deforestazione”, conclude il Guardian, “non c’è un minuto da perdere”.

 

Internazionale, numero 900/ www.internazionale.it

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog