La scuola digitale è alle porte

Lavagne interattive, Kindle al posto dei libri, banchi touchscreen: è la scuola digitale, già una realtà in molti istituti americani e in arrivo da quest’anno anche in alcune località italiane.

A Montelupo, in provincia di Firenze, ad esempio, alla scuola elementare alcune classi sperimenteranno le aule hi-tech.

Gli insegnanti potranno fare lezione utilizzando filmati e brani musicali e al contempo controllare dalla propria postazione, grazie alla condivisione wireless, come stanno lavorando gli alunni.

Il banco “smart” a disposizione degli allievi integrerà un set di applicazioni per l’apprendimento e un toolkit per consentire agli insegnanti di creare attività e contenuti sul loro Pc o Mac e quindi caricarli sul tavolo interattivo mediante una chiavetta USB.

Le potenzialità del “touch” verranno usate anche per muovere oggetti virtuali, e per far apprendere i ragazzi giocando. Il costo delle nuove, sofisticate attrezzature, verrà coperto grazie alla sponsorizzazione degli stessi produttori come Intel, Smart Technologies, Microsoft, che stanno sondando anche del nostro Paese le enormi potenzialità del mercato dell’istruzione 2.0.

bandos_468x60.gif

In cinque classi di prima superiore di un istituto di Bologna, verrà invece sperimentato lo “zainetto elettronico“; un computerino di 1 Kg circa, che dovrebbe sostituire tutti i libri, quaderni e astucci finora in dotazione agli alunni. Il dispositivo è stato messo a punto dal laboratorio di Smart Services Cooperation del Cnr: il costo del suo inserimento nella didattica sarà di 12.000 euro per classe, anche in questo caso coperti dagli sponsor.

Infine, la lavagna digitale. Lungi da essere soltanto un blocco inerte di ardesia sui cui tracciare esempi e scarabocchi, la LIM, come viene anche chiamata (acronimo per Lavagna Interattiva Multimediale), ha il suo punto di forza nella possibilità di dialogare via wireless con i computer e con un videoproiettore; ciò che è mostrato a muro può così giungere in un attimo sullo schermo dei Pc degli alunni, e viceversa, quanto presente sui desktop può essere visualizzato sulla LIM.

Un esempio interessante di lavagna digitale, è la Samsung 650 ts, dotata di un grande monitor touch screen da 65 pollici, con tanto di casse acustiche e porte USB incorporate. ( Fonte: http://smartercity.liquida.it)

 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog