" La Lega e Foroni... c’è da restare allibiti! " di Renata Cabrini

http://www.blogdem.it/lodi/files/2011/11/Screnshot-Ragazza-allibita-451x300-300x199.jpgHo letto le dichiarazioni del Presidente della Provincia di Lodi e ce n’è abbastanza per rimanere basiti, soprattutto quando, riferendosi al Governo Monti, dice: “i nostri imprenditori, i lavoratori e tutta l’economia del Nord si troveranno ancora una volta defraudati delle loro risorse”. Ancora una volta defraudati? Ma scusi, signor Presidente, defraudati da chi? Ma scusi, Signor Presidente, dov’è stata la Lega negli ultimi dieci anni? Possibile che Lei non si ricorda che per otto anni è stata al governo? Visto che ciò non è possibile, non credo che sarà così facile fregare le persone e spogliarsi delle responsabilità che derivano da quanto fatto dalla Lega al “non governo” dell’Italia e di come molte battaglie del carroccio non abbiano minimamente centrato il bersaglio. Non una liberalizzazione, non una soppressione di enti inutili, non il raggiungimento di un obiettivo da sventolare senza bisogno di accusare qualcuno.

La strategia della Lega di tornare a rispolverare i vecchi cavalli di battaglia in un momento così difficile per il Paese, quindi, non è assolutamente credibile, sia perché la Lega stessa è implicata nei mali e nei vizi del nostro Paese, sia perché la gente non si farà prendere nuovamente in giro. Cosa dire ad esempio degli incarichi multipli degli esponenti padani (anche Foroni è Presidente e Sindaco, mentre alla Camera siedono 25 leghisti con doppio incarico e 3 con triplo e al Senato sono 14 con doppio incarico e 3 con triplo), sul nepotismo che colpisce il partito di Bossi (“il Trota” consigliere regionale, solo ed esclusivamente per il seme paterno che l’ha generato, il fratello Franco a Bruxelles a fare l’assistente all’europarlamentare Matteo Salvini, mentre la moglie del leader, Manuela Marrone, ha ricevuto un contributo di 800.00 euro per la sua scuola privata di ispirazione padana, dove si insegnano filastrocche locali e tante materie folk, alla faccia dei bisogni che ci sono nelle nostre scuole), sulla pseudo lotta agli sprechi, quando le cricche sono state difese in tutto e per tutto? E che dire delle quote latte e del disastro Malpensa, sul sì al Ponte sullo Stretto, sui rapporti con le banche amiche del Carroccio e sul rientro dei capitali dall’estero al 5%, quando un lavoratore dipendente paga il 44% del proprio reddito in tasse? E che dire dei 50 milioni di euro di finanziamento pubblico per il quotidiano “la Padania”, degli spot da 200mila euro o dei lampadari da 920mila per la sede della provincia di Treviso, oppure dei 50 milioni da spendere in comunicazione che Luca Zaia, ora alla Regione Veneto, ha lasciato al suo successore Giancarlo Galan, che se n’è lamentato dicendo che: “Servono solo a favorire sprechi e parassitismi”? Mica male per un partito che in un giorno vuole tornare a gridare “Roma Ladrona”, nel tentativo di ricostruirsi una verginità svenduta per l’interesse di bottega, che alla fine altro non lascia che tre targhette sbiadite alla Villa Reale di Monza.

La Lega è il partito che può vantare il periodo più lungo trascorso al governo da tangentopoli in poi, ma è anche il partito che più volte si è comportata da amica di imputati per reati non di poco conto, tradendo innanzitutto i propri elettori. Che dire, ad esempio, dei “salvataggi” di Caliendo, Cosentino, Milanese e Romano? Che dire delle leggi ad personam che la Lega ha votato: ex Cirielli, lodo Alfano, legittimo impedimento, leggi pro-Mondadori?

Caro Presidente Foroni, siamo sufficientemente preoccupati per il presente che la Lega ha contribuito a farci vivere, da non perdere tempo ulteriore nel sentire certe cose, per cui anziché diffondere le veline del partito, si preoccupi più del futuro del nostro territorio, visto che non ci sono idee e tutto sembra giocato in contrapposizione al passato e senza alcuno slancio sul futuro. ( Fonte: http://www.blogdem.it)

Macrolibrarsi.it presenta la nuova Agenza 2012

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog