La grande musica fa tappa a San Fiorano, domenica 22 Maggio

http://www.lodiedintorni.com/wp-content/uploads/Chiesa-San-Fiorano.jpgDomenica 22 maggio alle ore 17.30 (con visita guidata alle ore 16.00) appuntamento d'eccezione a San Fiorano per la rassegna provinciale "Il Lodigiano e i suoi tesori". In onore del santo che da il nome al paese si terrà un concerto dedicato appunto al "Culto di San Fiorano fra Italia e Polonia".

 

San Fiorano (Floriano) secondo la tradizione agiografica, era un soldato romano nato a Lorch di stanza nel Norico che, in quanto cristiano, subì il martirio sotto l'impero di Diocleziano (284-305). Secondo la passio, Floriano era un veterano dell'esercito romano e ricopriva la carica di princeps offici a Cetia (presso l'odierna Kirchdorf an der Krems in Austria), praticando in segreto la religione cristiana. Durante le persecuzioni promosse da Diocleziano nel 304, saputo che a Loriacum (oggi Lorch) un gruppo di quaranta suoi correligionari era stato arrestato e condannato a morte, decise di raggiungerli e di condividere la loro sorte: giunto nella città, si consegnò ad un gruppo di ex commilitoni confessando la sua fede e, dopo essere stato interrogato e fatto torturare dal preside Aquilino, venne gettato nel fiume Anesius (Enns) con una macina di pietra legata al collo.

Il suo corpo venne raccolto dalla matrona Valeria e sepolto sul sito dove oggi sorge il monastero di Sank Florian dei Canonici Regolari della Congregazione Lateranense Austriaca) . Le reliquie di san Floriano vennero poi traslate a Roma nel 1138 e papa Lucio III (1181-1185) le inviò, tramite il vescovo Eusebio di Modena, in Polonia, presso il duca Casimiro II, che in suo onore fece erigere una chiesa a Cracovia.

Da quel momento divenne uno dei patroni della Polonia.

Nell'anno della beatificazione di Giovanni Paolo II, questo appuntamento vuole essere un omaggio alla grande cultura polacca e ai suoi stretti legami con l'Italia.

Ed è per questo che il concerto ha ricevuto il patrocinio del Consolato Generale della Repubblica di Polonia in Milano.

http://www.musicarte.lo.it/images/stories/spettacoli/fiorano.jpg

Protagonista del concerto sarà la soprano Joanna Klisowska, che dopo aver studiato all’Accademia di Musica di Wrocław (Polonia) diplomandosi in Violino, in Danza e in Canto (nella specializzazione Musica Antica), è stata borsista del Governo Italiano presso la Scuola Musicale di Milano. Ha completato l’alto perfezionamento in canto barocco presso la Musikhochschule di Trossingen (Germania) e svolge un’intensa attività artistica collaborando con i maggiori gruppi musicali europei (Arion Choir & Consort, Bozen Baroque Ensemble, Immortal Bach Ensemble, Ars Concordiae, Orchestra Barocca della Mitteleuropa, etc.).

Ad accompagnarla gli strumenti dell'ensemble lodigiano Laus Concentus diretto dal liutista Maurizio Piantelli.

 

Filo conduttore fra le musiche di autori del barocco polacchi (fra cui Antoni Milwid, Mikołaj Zieleński , Krzysztof Klabon) vi sarà la lettura -a cura di Luciano Pagetti - di alcune splendide pagine della "Lettera agli artisti" di Giovanni Paolo II.

 

Informazioni su: www.musicarte.lo.it e www.museilodi.it

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog