L’Intrepido - La recensione di Sara Michelucci

http://www.altrenotizie.org/images/stories/2013-4/lintrepidocover.jpgGianni Amelio sceglie l’attore e comico Antonio Albanese per il suo nuovo lavoro, L’intrepido. Il film è stato presentato alla 70esima edizione della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia nell'agosto 2013 e sarà portato anche al Toronto International Film Festival. Nell’epoca in cui trovare un lavoro sta diventando una missione quasi impossibile, il regista di Il ladro di bambini, sceglie di raccontare un nuovo mestiere, quello del “rimpiazzo”.

Il protagonista, Antonio Pane, è infatti un uomo senza lavoro, che non fa altro che prendere il posto di chi si assenta, per ragioni più o meno serie, dalla propria occupazione. Ma più che per i soldi, lo fa perché ha bisogno di sentirsi occupato, perché il lavoro nobilita l’uomo, perché la sua importanza è scritta nero su bianco anche nella Carta Costituzionale e dunque, un uomo senza un mestiere non è nulla.

E quindi Antonio un giorno fa il muratore e un altro il macchinista. Ma sempre con la voglia di non arrendersi, di non farsi prendere dalla depressione e da quella crisi buia che può capire solo chi un lavoro non ce l’ha più.

Ma Antonio non è solo. Ha un figlio di vent’anni, che suona il sax in modo spettacolare e che cerca di aiutare il genitore con il suo lavoro da artista. Incontra anche una ragazza, Lucia, che ha un atteggiamento piuttosto strano e inquieto e nasconde un segreto dietro la sua voglia di farsi riuscire nella vita.

La difficoltà del presente, quindi, è messa in risalto dal film di Amelio. E il cognome di Antonio porta con sé tutta una serie di significati, a partire proprio dal quel modo di dire “guadagnarsi il pane”, che oggi più che mai sta diventando il vero problema delle fasce più giovani, ma non solo, della società italiana.
Fonte: www.altrenotizie.org
L’Intrepido (Italia 2013)

regia: Gianni Amelio
sceneggiatura: Gianni Amelio, Davide Lantieri
attori: Antonio Albanese, Sandra Ceccarelli, Alfonso Santagata, Livia Rossi, Gabriele Rendina
fotografia: Luca Bigazzi
montaggio: Simona Paggi
musiche: Franco Piersanti
produzione: Palomar con Rai Cinema
distribuzione: 01 Distribution

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog