L’esperienza di un orto urbano - di Agostino Macrì

http://lastampa.it/rf/image_lowres/Pub/Prod/Blogs/cibo-e-salute/Foto/8MR273LC2240-011-kzCC-U10202869185459h9H-568x320@LaStampa.it.jpg

Sarà una moda o una necessità, ma gli orti urbani si stanno diffondendo. Il fenomeno non è nuovo e molti ricordano ancora il periodo della seconda guerra mondiale quando era molto difficile riuscire a reperire il cibo. Si dice che a Roma vennero utilizzate anche le aiuole di via dei Fori Imperiali, ma forse era soltanto propaganda. 

Adesso invece chi si appresta a coltivare un fazzoletto di terra lo fa il più delle volte per piacere personale sperando di riuscire a mangiare qualcosa di genuino frutto del proprio lavoro, lavoro che non sempre è semplice.  

Bisogna infatti cominciare a dissodare il terreno utilizzando vanga, zappa e un rastrello che serve a eliminare la gramigna e le altre erbe spontanee; si passa quindi a una adeguata concimazione preferibilmente con “stallatico” piuttosto che concimi chimici. In tal modo si garantisce una produzione “biologica”. 

Una volta preparato il terreno è utile visitare qualche vivaio dove si trovano semi e piantine adatte per le diverse stagioni. Gli ortolani esperti sanno che le piantagioni vanno fatte seguendo le fasi lunari. 

Una volta seminato o messo a dimora le piante è indispensabile innaffiare; se il buon Giove pluvio non ci assiste bisogna provvedere con l’acqua di cui si dispone. Se viene a mancare l’acqua è inutile avviare un orto. Insieme alle piante che intendiamo coltivare crescono anche quelle spontanee che diventano competitrici dei nostri ortaggi e quindi dobbiamo eliminarle. Sempre per difendere la “biologicità” bisogna evitare i diserbanti e utilizzare esclusivamente piccole zappe e soprattutto le mani. Quando non si è ancora molto esperti si corre il rischio di estirpare anche le piante che intendiamo coltivare. 

Dopo qualche mese compaiono i frutti: si tratta di un momento particolarmente emozionante per il neofita che non esita a invitare parenti e amici ad assistere all’avvenimento e il tutto viene immortalato in immagini che corrono su Facebook e/o Youtube. 

Si tratta però di produzioni stagionali che esplodono rigogliosamente e si esauriscono in breve tempo. Cosi si ottengono quantità di pomodori, zucchine, insalata, ecc. ampiamente eccedenti i fabbisogni familiari anche se si cerca di stipare il tutto nel frigorifero; allora a gioirne sono interi condomini. Quando sono le signore a praticare l’orticoltura ogni prodotto è bene accetto; quando invece è il marito o compagno i musi delle signore si allungano in quanto sono costrette a pulire, lavare, cucinare e addirittura mangiare un ortaggio che avrebbero trovato a buon prezzo in qualsiasi negozio di frutta e verdura, magari lavato e asciugato. 

In ogni caso un appezzamento di una ventina di metri quadri può dare anche oltre un quintale di verdura. Ma quanto costa? 

Considerando le piantine, i semi, il concime, gli attrezzi il cui costo si ammortizza con il tempo, la spesa si aggira, per 20 – 40 metri quadrati, sotto i cento euro l’anno senza però tenere conto dell’eventuale affitto del terreno. Discorso a parte è il tempo che l’ortolano impiega e la fatica che ci mette. In realtà si tratta di un risparmio su spese che si farebbero per andare in palestra o in piscina o addirittura un guadagno in salute grazie all’esercizio fisico. Non a caso si dice infatti che “l’orto vuole l’uomo morto” (metaforicamente di fatica). 

La conclusione è un invito a diventare ortolani urbani: ne acquisterete in salute, serenità e magari sarete costretti a mangiare qualcosa di buono. 

* Biologo e Medico Veterinario, ha lavorato per oltre 45 anni all’Istituto Superiore di Sanità svolgendo attività di ricerca in materia di sicurezza alimentare, veterinaria e impatto ambientale di contaminanti chimici. Ha collaborato con la Commissione ed il Consiglio europeo, ha ricoperto incarichi di docenza presso molte Università e collabora con l’Unione Nazionale Consumatori 

Fonte: lastampa 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog