L'eredità di Monti? Nel mirino gli stipendi degli statali, blocco turn over e molto altro ancora. In attesa del nuovo esecutivo

http://ts1.mm.bing.net/th?id=H.4750466703165376&pid=15.1Giorno 20 marzo, il Ministro Giarda ha presentato il rapporto sui futuri interventi legati alla "Spending review": bisognerà tagliare ancora: nel mirino gli stipendi oltre che servizi, il tutto entro il 2014. Pantaleo: "Governo Monti non ha più credibilità"

Una pesante eredità quella che Monti lascia al prossimo Governo. Oggi sapremo quale sarà la scelta di Napolitano per la formazione del nuovo esecutivo, non ci sorprenderebbe se si trattasse di un Governo di "solidarietà nazionale" o di "tecnici" o di "emergenza". Quale forza politica vorrà direttamente avere la responsabilità di nuove tensioni sociali?

Secondo Giarda bisognerà tagliare:

  • 135,6 miliardi di euro per beni e servizi,
  • 122,1 miliardi di retribuzioni
  • 24,1 di trasferimenti alle imprese e contributi alla produzione
  • 13,2 di contributi alle famiglie e alle istituzioni sociali.

Nel mirino:

  • università e altri enti locali (5,2%)
  • enti previdenziali (37,4%)
  • spesa sanitaria (33,1% della spesa)
  • retribuzioni dei dipendenti pubblici (oggi è al 5%, da incrementare impedendo l’assunzione dei precari e stringendo la cinghia del turn-over. Nella scuola operazione già in atto grazie ai gli effetti della riforma Fornero);
  • trasferimenti agli enti locali  (24,3%)

Il tutto entro il 2014. In questo contesto si inseriscono le voci di un ulteriore blocco dei contratti degli statali (personale della scuola compreso) di questi giorni e sulla questione, ieri, si è esposto Domenico Pantaleo, segretario della FLCGIL, che ha ribadito "opposizione a qualsiasi tentativo di bloccare il rinnovo dei contratti nel pubblico impiego". "Il Governo Monti - ha continuato - non ha più alcuna credibilità per imporre una simile decisione che non rientra nella ordinaria amministrazione. Vogliamo ricordare al Ministro della Funzione Pubblica che il suo Governo è stato sonoramente bocciato dal voto del 24 e 25 febbraio 2013".

Fonte: http://www.orizzontescuola.it/news/leredit-monti-nel-mirino-stipendi-degli-statali-attesa-del-nuovo-esecutivo

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog