Ipoteca sulla casa: che fare?

http://www.6sicuro.it/wp-content/uploads/2012/03/ipoteca.jpgIl nome di Equitalia, agenzia di riscossione dei tributi, non evoca pensieri piacevoli. Uno dei maggiori timori del contribuente è l’iscrizione ipotecaria per debiti tributari non saldati (cartella esattoriale scaduta).
L’ipoteca è una garanzia che il creditore, in questo caso Equitalia per conto degli Enti che vantano un credito (Agenzia Entrate, INPS, Comuni ecc.), pone su un immobile pur restando lo stesso in possesso del debitore.
Equitalia per iscrivere l’ipoteca, a partire dal 2011, deve darne comunicazione al contribuente nel caso il debito oggetto della comunicazione non venga saldato entro 30 giorni.
L’ipoteca si può contestare o estinguere.
Sono diversi i motivi per cui questa misura cautelare può essere contestata e di fatto invalidata:

  • il credito non era dovuto e si ottiene il relativo sgravio dall’Ente creditore con conseguente cancellazione dell’ipoteca.
  • debito inferiore a 8.000 euro;
  • debito inferiore a 20.000 euro se l’iscrizione riguarda l’abitazione principale;
  • omessa notifica del sollecito di pagamento;
  • omessa comunicazione dell’iscrizione ipotecaria.

Nel caso invece in cui l’iscrizione ipotecaria sia avvenuta per debiti dovuti e rispettando le condizioni citate, non resta che una cosa da fare: estinguerla.
Ma come?
Se non sono stati pagati i debiti iscritti in cartella è possibile che il contribuente versi in difficoltà economiche, quindi sarà difficile far fronte al pagamento dell’intera somma, visto che di fatto parliamo di diverse migliaia di euro.
L’unica soluzione è la richiesta di dilazione di pagamento che Equitalia prevede per questi casi.
Inoltrando la richiesta di rateazione bisogna tenere presenti due limiti:

  • le rate possono essere al massimo 72, pari quindi ad un periodo di 6 anni;
  • l’importo minimo delle rate è circa 100 euro, difficile che venga concessa una dilazione con importi inferiori.

C’è però una buona notizia: a partire dal 1° marzo 2012 Equitalia ha innalzato da 5.000 a 20.000 ero la soglia entro la quale si può fare richiesta di rateazione per difficoltà economiche senza la necessità di fornire documentazione in merito.
Chiudiamo con un consiglio: è possibile verificare online la propria posizione debitoria nei confronti dell’agenzia di riscossione. Conoscere la situazione è il miglior modo per organizzare la propria difesa. ( Fonte: http://www.6sicuro.it/blog-assicurazioni/iscrizione-ipotecaria-equitalia)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog