In che mani siamo! L’ultima di De Mattei: « Roma cadde per troppi gay»

http://www.ilfuturista.it/images/resized/images/stories/attualita/de%20mattei_200_200.jpgTutta Italia era in ansia per la nuova rivelazione dei vicepresidente del Cnr, De Mattei. Il quale, senza smentire le attese, l’ha sparata: “L’impero romano è finito perché c’erano troppi gay”. Lo storico dalle frequenze di Radio Maria delucida sul fattaccio, citando tale Salviano di Marsiglia. Fu fatta “cenere del prestigio di Roma grazie alla macchia infamante di quella perversione contro natura”. Che prende il nome di omosessualità, dando così avvio ad una ricostruzione che offre la cifra storica del perchè i Cartaginesi finirono in malo modo. Ma non finisce qui, perché i Cartaginesi e quel loro vizietto, lo contagiarono anche ai Romani, altri cittadini folgorati sulla via della libertà sessuale. E che secondo De Mattei subirono il crollo in virtù dell’abominevole “presenza di pochi invertiti, una vergogna per tutto l’impero”.

 

Con la salvezza incarnata dai barbari, “ uno strumento del giudizio di Dio”, secondo Salviano. Non c’è che dire, la storia è così semplice, basta solo individuare quei pervertiti e il gioco è fatto. E noi poveri illusi che cercavamo lumi e cause in analisi approfondite ed in rilievi geopolitici. ( Fonte: www.ilfuturista.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog