Il settore fotovoltaico chiede spazio

Organizzato da Gifi (Gruppo Imprese Fotovoltaiche italiane), associato Anie (Associazione imprese elettrotecniche ed elettroniche), oggi a Milano, si è tenuto l’incontro dal titolo "Il fotovoltaico e la rete elettrica: prospettive per l’industria e per il mercato" che prende le mosse da una ricerca Ispo per fare un punto sulle potenzialità del settore.

Claudio Andrea Gemme, presidente dell’Associazione Energia di Confindustria Anie, partendo dai buoni risultati espressi dal settore negli ultimi anni, nonostante il clima economico "gelido", convinto che il fotovoltaico possa rappresentare una valida proposta per sostenere crescita e occupazione auspica un sistema di incentivazione, attualmente in fase di definizione, effettivamente coerente con i "valori in gioco" (prezzi e tariffe).

Allo stesso tempo, indica alle aziende coinvolte di elaborare modelli di business efficientemente flessibili per affrontare con maggiori possibilità le opportunità del mercato, anche mondiale.

Infatti il ruolo dell’Italia, a livello internazionale è di tutto riguardo; il Paese occupa, nel 2009, il 2° posto mondiale per nuova potenza installata, pari a 720 MWp e il 5° posto per potenza installata cumulata, pari a 1.142 MWp.

E così, dall’Associazione "spingono" affinché operatori e Governo, nel riconoscere la posizione dell’industria fotovoltaica, attuino l’integrazione degli impianti nelle reti di trasmissione e distribuzione in modo da conferire altro sensibile impulso allo sviluppo del settore.

Tanto più che, dall’indagine Ispo presentata oggi, agli italiani piace l’energia fotovoltaica, ritenuta rispettosa per l’ambiente, 89%, efficiente, 86% ma dai costi ancora troppo onerosi per il singolo impianto privato, 79%. ( Fonte: milanoweb.com)
 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog