" Il fumo uccide... e l'Aulin" di Gianni Tirelli

http://danae.ilcannocchiale.it/blogs/bloggerarchimg/danae/AULIN.jpgCon lo stesso bieco strattagemma (divenuto oramai pratica quotidiana), attraverso il quale le industrie del tabacco si mettono al riparo da ogni controversia giudiziaria, “il fumo uccide”, allo stesso modo, si comportano le multinazionali farmaceutiche ammettendo e avvertendo pubblicamente gli effetti indesiderati e anche molto gravi (in alcuni casi mortali), relativi all’uso dei farmaci commercializzati.

La vera bestialità, non è tanto questa, ma va ricercata nella stupidità, nell’ottusità e nell’autolesionismo di questa nuova e inedita razza umanoide, che persevera ad acquistare (con animo sereno), queste bombe chimiche ad orologeria che presto o tardi deflagreranno all’interno del nostro corpo.

Quella che oggi, in forma strumentale, viene definita “la medicina moderna”, destabilizza qualsiasi processo naturale, interrompendo il corso della malattia e accanendosi in maniera ossessiva sui sintomi, eludendone le cause.


La propaganda mediatica “a tambur battente” su un uso indiscriminato dei farmaci, ha ridotto ai minimi la soglia sopportazione del dolore, così da rendere gli individui, dipendenti e schiavi delle multinazionali farmaceutiche che, sulla nostra pelle, accumulano profitti stratosferici.
I moderni farmaci, sono delle piccole bombe ad orologeria, e gli effetti delle loro controindicazioni alterano irrimediabilmente i sofisticati meccanismi che regolano il nostro organismo, degenerando in tumori e mandando in corto il nostro sistema nervoso.
Nello spot del “Voltaren” (farmaco propagandato dalle reti televisive, in grado di curare (sostengono) i dolori articolari e il torcicollo) si dichiara testualmente: “Sono farmaci che possono avere effetti indesiderati, anche gravi”. Per un semplice torcicollo? Negli effetti gravi collaterali dell’Aulin, si parla di emorragie gastriche che possono portare alla morte. In molti psicofarmaci è bene evidenziato il fatto che possano, in alcuni casi, portare al suicidio. E questo vale per un buon 99% di questi inquietanti rimedi.
Non sapremo mai, del resto, quante emorragie gastriche o suicidi, siano da mettere in correlazione con l’uso di questi farmaci, ma è facile immaginare la loro potenziale pericolosità.
La nimesulide, principio attivo dell’Aulin, sale sul banco degli imputati anche in Italia dopo essere stato ritirato in Irlanda per segnalazioni di gravi danni al fegato. Dal convegno dei medici internisti italiani arriva l’allarme. Per molto tempo la nimesulide ha goduto della fama di un farmaco non molto rischioso, ma ogni anno, si osserva un numero inquietante di pazienti che subiscono danni epatici e forme tumorali dell’apparato gastroenterico causati proprio da questa molecola.
Sotto accusa la facilità con cui è possibile acquistare questo farmaco, commercializzato in Italia dal 1985 con successo (nel 2002 nel nostro Paese si registrava il più alto consumo di questa specialità rispetto al resto dell’Europa).

Un corpo aggredito quotidianamente e sistematicamente da sostanze tossiche di ogni genere, non può che ribellarsi e mutare la sua natura fino ad autoeliminarsi. Le continue percosse inferte ad un cane, concorrono a modificarne l’indole, un tempo docile, in un’altra, aggressiva, feroce e sanguinaria. Un bel giorno, un tale cane, azzannerà il suo carnefice e, per questo, verrà in seguito soppresso. Allo stesso modo si comporta il nostro essere, costantemente violentato.

Se non ci liberiamo della chimica e dei suoi intrugli diabolici, per dare fondo alle nostre ultime risorse vitali e finalmente, in un moto di vero orgoglio, rovesciamo il tavolo sgombrandolo da tutte le effimere, illusorie, inutili e micidiali menzogne che il Sistema ci spaccia al pari di miracolose droghe, avremo perso per sempre la nostra libertà e come schiavi, invalidi e accattoni saremo costretti ad elemosinare conforto fra le braccia dei nostri carnefici.
Se volevamo distruggere ll Sistema lo avremmo già fatto. Bastava rinunciare per un paio di settimane a tutto quel baraccone di cose inutili e per di più dannose, che quotidianamente, come androidi, acquistiamo al mercato del grande malfattore. Siano esse, creme, cremine, balsami, schampo, pillole, dolcini, dolcetti, detersivi, farmaci, psicofarmaci, diete dimagranti, rassodanti, snellenti, eccitanti, bibite, intrugli chimici di ogni genere e natura, plastica, tecnologia e affini, una montagna di merda così alta sotto la quale abbiamo sepolto la nostra libertà e dignità di esseri umani.
Allora si!! Avremmo potuto dettare le nostre condizioni.
Questo non é stato possibile perché la nostra volontà si é estinta per sempre, e con lei la consapevolezza e il discernimento, che abbiamo barattato in cambio di illusione, codardia e servilismo. Ma presto tutto questo finirà in ragione di un meccanismo di autodistruzione insito nel Sistema stesso.
Il prezzo da pagare sarà altissimo per tutta l’umanità, che volontariamente a ceduto alle subdole lusinghe e alle seduzioni dell’effimero, mercificando il futuro dei suoi figli.

Fonte: http://www.stampalibera.com/?p=45530

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog