Il Comune di Milano spende duemila euro a testa per una festa di 18enni

Il Comune di Milano in quanto a controllo della spesa non ci fa una bella figura se si pensa ad un evento che ha avuto luogo il 9 settembre alla Discoteca Alcatraz.

 

Pagato con i soldi dei contribuenti, lo Star Night 2010 si è rivelato un vero flop. Doveva essere “una serata esclusiva e gratuita – faceva sapere l’ente guidato da Letizia Moratti - riservata agli oltre 9000 ragazzi e ragazze milanesi che hanno compiuto 18 anni negli ultimi dodici mesi“.

 

Peccato si siano presentati solo qualche decina di ragazzi. “Lo ‘Special Party’ offerto dal Comune lo scorso 9 settembre ai neo diciottenni milanesi alla discoteca Alcatraz – ha fatto sapere oggi il consigliere comunale Basilio Rizzo, della lista Fo - è costato 95mila euro, escluse le spese di spedizione per gli inviti. Sono stati spediti fra gli 8mila e i 9mila inviti, e quella sera, alla ‘Start Night’ all’Alcatraz si sono presentati fra i 50 e i 60 ragazzi. Significa, a conti fatti, che il Comune ha speso 2mila euro per ogni giovane invitato: una bella cifra per festeggiare i 18 anni“.

 

Durante l’evento al quale potevano accedere alla serata tutti i diciottenni milanesi nati tra il 1° settembre 1991 e il 31 agosto 1992 residenti a Milano, che potevano essere accompagnati da un’altra persona (anche non diciottenne), si sono esibiti diversi dj, Andrea Rock, Reset, 2Fingerz, Heller, ed hanno partecipato Dj Ringo di Virgin Radio e Annalisa Arione (l’ Evelina di Colorado Cafè). A spese dei milanesi. ( Fonte: www.giornalettismo.com)

Autore: Donato De Sena

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog