" Il cigno nero " La recensione

http://www.altrenotizie.org/images/stories/2011-2/locandina-nt-il-cigno-nero.jpgCigno nero e cigno bianco, il bene e il male, la castità e la sensualità. Estremi, facce di una stessa medaglia che si alternano e che probabilmente ognuno di noi ha un po’ dentro di sé. Il cigno nero, nuovo lavoro di Danny Aronofsky, racconta la scissione, la divisione tra due mondi, apparentemente distanti, ma invece totalmente intrecciati tra loro.

 

Natalie Portman (premiata con l’Oscar 2011 come migliore attrice protagonista) interpreta Nina, giovane ballerina del New York City Ballet, con una madre decisamente ingombrante che scarica le sue frustrazioni di ballerina mancata sulla figlia, e una personalità complessa, che a tutti i costi vuole il ruolo da protagonista ne Il Lago dei cigni. Il sogno è quello di interpretare il doppio personaggio di Cigno Bianco, puro e fragile, e il Cigno Nero, seducente nel suo essere malefico.

 

Il lato oscuro di Nina dovrà venire fuori per riuscire ad interpretare al meglio questa “regina nera” e il suo corpo, in un’allegoria continua, si trasformerà raggiungendo nuove vette. In questa “lotta” con se stessa, spinta anche dal coreografo Thomas Leroy (il bravo Vincent Cassel), non potrà mancare la rappresentazione esterna delle sue paure e della sua insicurezza: la neo arrivata Lily (Mila Kunis), che rappresenta la sua maggiore rivale.

 

Bella, provocante e molto sensuale, sarà per Nina, magrissima e ancora legata a un’infanzia prigioniera, un vero alter ego. Non le resterà che disfarsi del passato e calarsi fino in fondo nel ruolo del mortale Cigno nero per raggiungere quella perfezione cercata ad ogni costo.L’allegoria, l’allucinazione, lo sdoppiarsi di sogno e realtà saranno gli strumenti principali scelti dal regista per rappresentare la lotta interiore e quella per conquistare il palcoscenico, della tragica Nina.

 

Aronofsky mette nuovamente in scena un personaggio molto complesso, come aveva fatto con il bel The Wrestler, interpretato da un gonfio e livido Mickey Rourke e vincitore del Leone d’Oro al 65° Festival di Venezia, nonché nominato a due Oscar nel 2009. Un personaggio che si trova davanti alla competizione pura per poter esistere davvero. Salire sul palco, oppure su un ring, non cambia poi molto, l’importante è mettersi in gioco, anche se per l’ultima volta. ( Fonte: www.altrenotizie.org)

Autore: Sara Michelucci

 

Il cigno nero (Usa 2010)

 

Regia: Darren Aronofsky

sceneggiatura: Darren Aronofsky, Mark Heyman, John McLaughlin

attori: Natalie Portman, Vincent Cassel, Mila Kunis, Winona Ryder, Barbara Hershey, Kristina Anapau, Benjamin Millepied, Ksenia Solo, Janet Montgomery, Sebastian Stan, Toby Hemingway, fotografia: Matthew Libatique

montaggio: Andrew Weisblum

musiche: Clint Mansell

produzione: Cross Creek Pictures, Phoenix Pictures, Protozoa Pictures

distribuzione: 20th Century Fox

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog