" I Talenti delle Donne": in rassegna poche donne talentuose e tante commercianti . La lettera di protesta di una esclusa.

  • oleg
  • Lodi

Avrei potuto essere una delle donne partecipanti a « I Talenti delle Donne», « iniziativa che intende valorizzare e dare visibilità alle forme di creatività e imprenditorialità sviluppate dalle donne», esclusa però, insieme a tante altre donne, per motivi ancora sconosciuti.

 

Avendo seguito la manifestazione negli anni scorsi ed essendomi recata questa mattina al Polo Fieristico di San Grato a Lodi per avere un’esatta visione dell’insieme, ho notato che « donne talentuose» che esponevano per la prima volta ce n’erano ben poche. La maggior parte erano commercianti che comunque avevano già avuto l’opportunità di farsi conoscere nella mostra mercato di imprese femminili lodigiane tenutasi il 2 e il 3 ottobre in Piazza Castello.

 

Le bancarelle denotavano una ripetitività dei prodotti esposti. Quello che allora mi sono chiesta è stato il perché si faccia una rassegna, due volte all’anno, dedicata ai Talenti delle Donne, dove le hobbiste ed artiste vengono sempre escluse dalla possibilità di mostrare le loro opere. La partecipazione a tali eventi è data sempre dalle « solite conoscenze»? Ho chiesto i criteri con i quali sono state fatte le esclusioni, ma non ho ricevuto ancora nessuna risposta. Lodi è diventata provincia, ma non è per nulla progredita dal punto di vista artistico. Preclusioni esistono quindi per quelle persone che vorrebbero renderla più viva in tale senso. Continuerò comunque ad esprimere la mia creatività sperando in tempi migliori, nei quali ci siano maggiori possibilità di spazio e luce.

Lettera di: Ester Dedè - Lodi

( Pubbliata anche dal quotidiano " Il Cittadino" in data 30 Nobembre 2010)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog