" Gli equilibristi " La recensione di Sara Michelucci

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

http://www.altrenotizie.org/images/stories/2012-4/covergli-equilibristi.jpgIn bilico su una linea così sottile che cadere giù diventa non solo possibile, ma estremamente facile. Essere separati in Italia non è certamente facile. Se poi si è una coppia con figli, la cosa si fa ancora più difficile. E per gli uomini la situazione si complica, tra alimenti, rate del mutuo da pagare e una nuova casa da cercare. Gli equilibristi, nuovo lavoro di Ivano De Matteo, racconta la drammatica storia di Giulio (un sempre bravo Valerio Mastandrea) che a quarant’anni si trova fuori casa.

Giulio ha una vita tranquilla e normale. È il classico italiano medio, con moglie, una casa con mutuo, un posto fisso, un'automobile acquistata a rate, una figlia ribelle ma simpatica che gli vuole bene e un bimbo molto sensibile e sognatore. Giulio ama sua moglie (interpretata da Barbora Bobulova), ma commette un errore: la tradisce con una collega. Lei scopre tutto attraverso gli sms registrati sul cellulare e lo lascia.

La vita di Giulio cambia improvvisamente, prende una piega tale che gli sarà impossibile essere quello di prima. La decadenza è veloce, da una pensionaccia alla stazione Termini finisce ben presto a dormire in macchina e a mendicare un doppio lavoro ai mercati generali. Il film tocca da vicino, perchè racconta qualcosa di reale, perchè coinvolge l'uomo medio, quello che ha un lavoro sicuro (Giulio è impiegato al Comune di Roma), ma la cui esistenza può cambiare radicalmente se si sceglie la strada della separazione. "Meglio restare a casa e magari dormire sul divano", dice un amico a Giulio. Insomma la libertà di scelta non è contemplata in un paese dove una stanza a nero costa 650 euro e i controlli sono totalmente assenti.

Il tema dei padri in difficoltà dopo un divorzio o una separazione è stato affrontato da un recente film, Posti in piedi in Paradiso, di Carlo Verdone, che sceglie i toni della commedia per descrivere comunque la situazione di grave disagio in cui possono cadere alcuni uomini. "Il divorzio è per i ricchi, non per quelli come noi", dice a Giulio un impiegato che lavora nei servizi sociali e in quella Casa dei Papà mai costruita, poichè dal comune sono arrivati i fondi solo per trenta posti letto.

Sacrosante parole che portano alla denuncia sociale attraverso un film dai dialoghi e dalla trama scarna, ma che grazie alla bravura degli attori e alla scelta di alcune scene, riesce a darci uno spaccato della parabola dell'uomo normale. E l'espressione densa di disperazione del protagonista, alla fine del film, la dice lunga. ( Fonte: www.altrenotizie.org)

Gli equilibristi (Italia 2012)

regia: Ivano De Matteo
sceneggiatura: Ivano De Matteo, Valentina Ferlan
attori: Valerio Mastandrea, Barbora Bobulova, Maurizio Casagrande, Rolando Ravello, Rosabell Laurenti Sellers, Grazia Schiavo, Antonio Gerardi, Antonella Attili, Stefano Masciolini, Francesca Antonelli, Damir Todorovic, Daniele La Leggia, Pierluigi Misasi, Paola Tiziana Cruciani
fotografia: Vittorio Omodei Zorini
montaggio: Marco Spoletini
musiche: Francesco Cerasi
produzione: Rodeo Drive, Babe Films
distribuzione: Medusa Film

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: