Gli additivi della benzina

http://eu.123rf.com/400wm/400/400/iofoto/iofoto0802/iofoto080201032/2615731-donna-azienda-ugello-pompa-di-benzina-verde-su-erba.jpgLa benzina senza piombo non è poi così verde. Ma non è ancora stato trovato un carburante meno inquinante. Rispetto al petrolio da cui deriva, la benzina è un prodotto complesso, a cui viene aggiunta una serie di composti chimici che dovrebbero rendere il carburante più efficiente e sicuro. Uno dei problemi della benzina grezza è che fa “battere in testa” il motore, a causa della combustione anomala della miscela. Per questo è stato aggiunto per molto tempo il piombo tetraetile, che però è dannoso per la salute e l’ambiente.

 

Dopo alcuni decenni il piombo è stato proibito in molti paesi ed è stato sostituito dall’Mtbe. In realtà, anche questo composto non è innocuo, perché è potenzialmente cancerogeno e contamina facilmente le acque superficiali. Non è chiaro quali danni possano provocare basse concentrazioni di Mtbe nell’acqua, ma molti stati americani ne hanno proibito l’uso.

 

In sostituzione è stato adottato l’etanolo, che ha il vantaggio di poter essere prodotto da coltivazioni. L’etanolo però potrebbe aumentare la produzione di composti tossici come l’acetaldeide e il benzene, inquinando l’aria. L’alternativa più recente è l’azoto, che dovrebbe permettere una combustione più pulita. Ma gli studi sull’impatto ambientale sono ancora scarsi. In ogni caso, scrive Slate, gli additivi sono il minore dei mali. Non usare i carburanti a causa degli additivi è un po’ come non mangiare i biscotti per i conservanti quando si è a dieta.

 

Internazionale, numero 890, 25 marzo 2011

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog