FIAT: auto a basse emissioni

La Fiat sta sviluppando un sistema ibrido che porterebbe le emissioni di CO2 delle sue CityCar a soli 80 grammi per ogni chilometro percorso. Il progetto prevede un motore a benzina a due cilindri, il motore 0.9 TwinAir, associato ad un’unità elettrica.

 

Il concetto di ibrida si sposa bene con il progetto Fiat: l’unità elettrica sarà inserita all’interno della scatola del cambio ottimizzando, così, consumi ed emissioni; La strategia di risparmio usata è la cosiddetta “boost“. Questa tecnologia non è inedita in campo automobilistico, anche altre case come la Mercedes o BMW hanno approfittato di unità elettriche per supportare un motore di intensità più esili.

 

Con il sistema “boost”, le CityCar Fiat non daranno la possibilità di viaggiare nella sola modalità elettrica ma l’unità elettrica farà da coadiuvante garantendo una maggiore intensità: in accelerazione l’auto potrà sfruttare la potenza supplementare (boost) del motore elettrico accoppiato in modo compatto al cambio.

Il sistema di boost sarà significativo anche quando il classico motore biciclindrico funzionerà a bassi regimi. Nella fattispecie il TwinAir sarà di 900cc. Le prime auto ad integrare l’innovativo motore dovrebbero essere la Fiat 500 e la Panda, in particolare l’uscita per la 500 è prevista per il prossimo inverno o comunque non oltre il primo trimestre del 2011.

 

Per quanto riguarda la Fiat Panda alcuni rumors fanno riferimento ad un modello pronto per il 2012. Non è escluso che il modello ibrido possa essere applicato anche ad una linea Eco Punto, oppure potrà andare ad equipaggiare altre vetture prodotte dal Gruppo Fiat, come ad esempio una prossima generazione di Lancia Ypsilon. ( http://smartercity.liquida.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog