Droga: calano i consumatori

Non tutte le crisi vengono per nuocere. Quella finanziaria, per esempio, ha fatto abbassare di oltre un milione i fruitori di sostanze stupefacenti in Italia. Lo dice la relazione annuale al Parlamento presentata a Palazzo Chigi dal sottosegretario Carlo Giovanardi.

 

Nel nostro Paese, l'inversione di tendenza fa registrare un decremento del 25%, con un numero di consumatori che è passato da 3.934.450 nel 2008 a 2.924.500 nell'anno appena passato.

 

In particolare, il calo colpisce la popolazione studentesca tra i 15 ed i 19 anni, che ha complessivamente diminuito l'uso di quasi tutte le droghe. Nella popolazione in generale, invece, a ridursi di più è l'uso della cannabis (-9%).

 

Tra i dati più preoccupanti, invece, permane l'incremento della fruizione di cocaina tra gli studenti, più alta rispetto alla media tra tutti gli utenti. Dalla relazione emerge anche l'aumento dei ricoveri in ospedale per uso di cocaina (+4,2%)

Tra i consumatori occasionali aumenta l'abuso delle sostanze alcoliche, spesso per surrogare proprio la mancata fruizione delle droghe, i cui costi si sono fatti proibitivi a seguito appunto della crisi. Lievita infine la commercializzazione delle sostanze stupefacenti su Internet: secondo la relazione sarebbe aumentata  l'offerta e l'acquisto sui siti, sui blog, sui social forum. ( Fonte:
www.lavoceditalia.it)
M.R.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog