Dopo le mozzarelle blu in arrivo l'infezione dei kiwi

E dopo il caso delle mozzarelle blu, dal Piemonte è partito un altro segnale di preoccupazione per la comparsa di alcuni focolai di una infezione da batterio che colpisce le coltivazioni di kiwi.

Le temperature miti in autunno e in primavera avrebbero favorito la moltiplicazione del batterio e la diffusione di questo fattore patogeno, che si manifesta con tipici cancri sul tronco e sui tralci della pianta. Per questo motivo, l'assessore regionale piemontese all'Agricoltura, Claudio Sacchetto, ha convocato per mercoledì 23 giugno a Torino, un incontro per discutere del problema della batteriosi del kiwi: l'assessore ha infatti manifestato apertamente la volontà di correre ai ripari in tempi brevi e in questo incontro prenderanno parte anche il coordinamento dei tecnici fitosanitari e l'Università degli Studi di Torino.

L'Assessore Sacchetto ha commentato: "E' necessario tutelare anche le piante di kiwi con l'introduzione del passaporto verde, al momento non previsto per questo tipo di frutto, così come avviene per altre specie vegetali". "E' fondamentale - ha proseguito l'assessore - muoversi con tempestività per bloccare il diffondersi del batterio nella nostra regione, ecco perché ci stiamo muovendo di concerto con i tecnici del Creso e l'Università affinché si possa avere al più presto una mappatura completa delle zone colpite per bloccare l'avanzata della malattia".

Ricordiamo che l'Italia è il primo Paese produttore di kiwi al mondo e che il Piemonte, è in seconda posizione nel nostro paese con 84.500 tonnellate e 4.500 ettari coltivati.

Scoperto in Giappone, questo batterio è stato riscontrato per la prima volta in Italia circa 15 anni fa, prima nel Lazio e successivamente in Veneto: la malattia colpisce soprattutto le varietà di kiwi a polpa gialla, (Actinidia chinensis), ma l'infezione è in grado di contagiare anche su quelle a polpa verde, come la più famosa Hayward (Actinidia deliciosa).  ( Fonte: pressweb.it)

 

Autore: Fabio Pagani

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog