Dal duro western dei fratelli Cohen al "Cigno" Portman

Il film più atteso è certamente quello dei fratelli Cohen che sbarca in sala dopo l'inaugurazione del festival di Berlino; il più sorprendente è quello di Darren Aronofsky finalmente arrivato anche da noi dopo aver aperto la scorsa Mostra di Venezia, ma sono ancora le commedie sentimentali che rischiano di colpire al cuore gli spettatori.

IL CIGNO NERO di Darren Aronofksy con Natalie Portman e Mila Kunis. La scena è quella del balletto classico in una New York gravida di presagi. Il palcoscenico è quello, ambitissimo, del Metropolitan dove si esibiscono le étoiles più acclamate. Il dramma è quello di Nina, ballerina al tramonto che combatte il fantasma d'una giovane rivale, Lily, che potrebbe perfino essere una minacciosa proiezione del suo stesso inconscio. Si destreggiano in un gioco mortale anche volti noti di Hollywood come Winona Ryder, Vincent Cassel, Barbara Hershey.

IL GRINTA di Joel e Ethan Cohen con Jeff Bridges, Hailee Steinfeld, Josh Brolin, Matt Damon. Nel selvaggio West in cui ciascuno detta la sua legge, la piccola Mattie non si dà pace. Non si rassegna all'omicidio di suo padre da parte di un pistolero, Tom, rimasto impunito. Decide allora di fare da sola e ingaggia un burbero tutore della legge per rintracciare l'assassino. Ma il vecchio e disincantato Reuben J. "Rooster" Cogburn non ha proprio voglia di farsi insegnare il mestiere, tanto più che alla compagnia si aggiunge anche il ranger LaBoeuf che con il pistolero Tom ha un conto personale. Era quasi naturale, specie dopo le prove di "Non è un paese per vecchi" che i fratelli Cohen arrivassero all'appuntamento col western, genere fondativo della cultura americana.

AMORI E ALTRI RIMEDI di Edward Zwick con Anne Hathaway, Jake Gyllenhaal, Oliver Platt. Nell'eterna lotta tra i sessi, Maggie vince da sempre grazie al suo spirito libero, a una visione positiva delle cose, a una sostanziale indipendenza mentale. Finché non casca tra le braccia dell'irresistibile Jamie: una storia d'amore che non lascerà immutati i caratteri e le convinzioni di entrambi.

COME LO SAI di James Lee Brooks con Reese Witherspoon, Jack Nicholson, Paul Rudd, Owen Wilson. La vita di Lisa ha sempre avuto un solo obiettivo: la riuscita nello sport in cui è sempre sembrata una promessa designata, il softball. Quando scopre d'essere stata messa ai margini e non viene più convocata in squadra, tutto le crolla addosso. Cerca una soluzione nell'amore ma alla fine capirà che l'amore viene solo dopo la ritrovata sicurezza di sé.

IL PADRE E LO STRANIERO di Ricky Tognazzi con Alessandro Gassman, Amr Waked, Kseniya Rappoport, Leo Gullotta. È una grande amicizia quella tra l'italiano Diego e il siriano Walid, genitori di ragazzi handicappati. Ma un bel giorno Walid sparisce, Diego si ritrova addosso i servizi segreti e teme di essere finito in un ingranaggio in cui non c'è pietà per i sentimenti. Dal romanzo di Giancarlo de Cataldo, un noir metropolitano.

UN GELIDO INVERNO di Debra Granik con Jennifer Lawrence, John Hawkes, Kevin Breznahan, Dale Dickey. Ha solo 17 anni Ree, ma tutto il peso della famiglia grava si di lei: la madre è malata, il padre scomparso, un'ipoteca sulla casa. Ree combatte per il suo diritto alla felicità. Applaudito come autentico fenomeno al Sundance, girato nell'America dei poveri e dei dimenticati, il film è una ballata nel segno del coraggio e dell'amore. Da applaudire.( Fonte: www.gazzettadelsud.it/ Autore: Giorgio Gosetti)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog