Da Giannino ai devastatori di verità: la persuasione occulta dei potentati economici

http://ilsimplicissimus2.files.wordpress.com/2013/02/luigi-zingales-scarica-oscar-giannino-ecco-la-lettera_h_partb.jpg?w=300&h=179Povero Giannino, sputtanato sul filo di rasoio delle elezioni. Non solo non era masterizzato alla Booth di Chicago, ma nemmeno le lauree erano reali. Nell’estate scorsa, prendendomi anche un bel po’ di insulti osai dire che Giannino era un’orecchiante di economia  e si capiva benissimo: non a caso era stato per anni il guru di Ferrara al Foglio per le questioni economiche (qui). Un simpatico orecchiante messo alla gogna con orologeria perfetta da un professore di economia che spunta come il prezzemolo nelle vicende italiane e si offre come consigliori a chi offre di più: quel tal Zingales  (insegna qui e già si capiscono molte cose) che non è molto diverso da lui, a parte il pezzo di carta .

Ora voi vi chiederete se c’è una ragione per infierire su Giannino e indirettamente su tutte quelle simpatiche canaglie dell’economia che ci menano per il naso, proprio oggi che la campagna elettorale offre insieme  le comiche finali ( il falso rimborso del’Imu di Berlusconi, le manovre su La7, il nuovo scandalo piemontese che travolge la Lega, Celentano che canta Grillo) e il disvelamento di ciò che alla fine era l’inevitabile approdo: una coalizione Pd – Monti, con in più il Pdl. La fotocopia dell’anno appena trascorso con i grandi successi che sappiamo e per la quale viene chiesto il voto utile. Ma insomma, sorvoliamo sulle miserie. Sì una ragione per parlare di Giannino, trasversalmente c’è: il Guardian ha beccato con le mani nel sacco due delle molte “innocue” organizzazioni che canalizzano i soldi degli ultra ricchi per influenzare  l’opinione pubblica sia sui temi ambientali che politici. Due organizzazioni anglo americane, la Donors’ Trust e la Donors’ Capital Fund, hanno speso 108 milioni di dollari per finanziare 102 sedicenti organizzazioni scientifiche o singoli, dediti a contestare i cambiamenti climatici. E nel periodo 2002 -2010, hanno investito altri 311 milioni per finanziare gruppi che  appoggiano le tesi liberiste sulla diminuzione delle tasse ai ricchi, l’abbassamento delle tutele, del welfare e la “riduzione dello stato”.

I soldi provenivano dalla famiglia Koch, proprietaria dell’omonima multinazionale (chimica e petrolio) tra i maggiori finaziatori del Tea party e dai DeVos dell’Amway. Ma si tratta solo della punta di iceberg di un fiume di denaro che attraverso fondazioni, istituti trust, fondi  e persino organizzazioni di beneficenza finanziano gruppi di pressione che barano sulle competenze presentandosi come preparate ed esperte in vari campi e che soprattutto si definiscono indipendenti. Le due Donors colte sul fatto dal Guardian, hanno finanziato per esempio l’American Enterprise Institute, la American Legislative Exchange Council, l’ Hudson Institute, la Competitive Enterprise Institute, la Reason Foundation, l’Heritage Foundation, Americans for Prosperity, la Mont Pelerin Society e la Discovery Institute. Tutte organizzazioni notoriamente reazionarie.

Ma a noi interessa da vicino La Mont Pelerin, una congrega, fondata  da von Hayek, nata in funzione della guerra fredda e delle sue necessità ideologiche, divenuta una palestra del reaganismo e via via convertitasi al più becero fondamentalismo liberista. Ha avuto come presidenti Milton Friedman e anche Bruno Leoni. Si, proprio il Leoni cui è dedicato l’omonimo istituto, una vera e propria scuola coranica del mercato nel quale Giannino figura come senior fellow, proprio l’istituto dal cui sito è scomparsa la corposa biografia accademica del leader di fermare il declino che, a quanto pare, si riduce a qualche esame di giurisprudenza.

Come si vede siamo pariti da Giannino e a lui siamo tornati, attraversando però le acque velenose e inquinate di un’informazione che a livello mondiale è fortemente condizionata da fondi segreti , operazioni di depistaggio, organizzazioni ambigue, competenze inesistenti o comprate, trompe l’oeil destinati a nascondere la lotta di classe dei ricchi contro i poveri a influenzare i media e i governi. O a governare direttamente se capita. Si tratta di una nuova frontiera della politica nella quale i potentati economici e finanziari, non vengono allo scoperto e pagano fiumi di soldi perché altri apparentemente indipendenti ed estranei agli interessi in gioco, a volte anche convinti di esserlo, lo facciano al posto  loro riuscendo a influenzare costantemente il dibattito pubblico, a imporre tesi deliranti  e a depistare la rabbia verso altri obiettivi, spesso molto lontani. E’ il declino organizzato delle speranze in una società diversa. Altro che fermarlo.

http://2.gravatar.com/avatar/5a1db175e16e4559b08cfff5512b176b?s=64&d=identicon&r=GBy ilsimplicissimus

http://ilsimplicissimus2.wordpress.com/2013/02/20/da-giannino-ai-devastatori-di-verita-la-persuasione-occulta-dei-potentati-economici/

http://www.guardian.co.uk/environment/2013/feb/14/funding-climate-change-denial-thinktanks-network

http://www.guardian.co.uk/environment/2013/feb/14/donors-trust-funding-climate-denial-networks

http://desmogblog.com/2012/10/23/fakery-2-more-funny-finances-free-tax

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog