" Crimini e misfatti: tutti gli orrori del governo Monti" di Giorgio Cattaneo

http://digilander.libero.it/kiwai/MarioMonti-246x300.jpg“Micromega” li chiama “errori”, ma quella che Marco Travaglio riassume – sulle pagine dell’“Espresso” – è una spaventosa galleria di orrori. Davanti ai quali si potrebbe dire, con una battuta, che ci vorrebbero dei tecnici per ripararne tutti i guasti: «Ma se questi guasti li fa il governo tecnico, chi li ripara?». In pochi mesi, il “governo dei banchieri” creato da Napolitano ha totalizzato un record micidiale di disastri, grazie alla ferrea guida dal super-lobbysta Monti, già advisor di Goldman Sachs e stratega della Trilateral Commission per l’Europa, membro dell’élite finanziaria mondiale incarnata dal Gruppo Bilderberg e già “ministro” della Commissione Europea, massima espressione dell’oligarchia tecnocratica contro cui l’Europa – per via elettorale – sta cominciando finalmente a ribellarsi, mentre affonda nella spirale della recessione con l’euro che trasforma in un incubo la voragine dei debiti sovrani.

Nella sua scarna essenzialità, il “bollettino della catastrofe” stilato da Travaglio è sbalorditivo, su tutti i fronti. Televisione: il “governo tecnico” l’8 gennaio promette di metter mano alla Rai «entro poche settimane» e poi non fa nulla per tre mesi e mezzo, anche dopo che il 28 marzo è scaduto il Cda. Finanziamento alla “casta”: l’esecutivo si dice «disponibile a un decreto» per tagliare i fondi pubblici ai partiti e poi non muove un dito. Province: il governo annuncia che saranno abolite, poi si scopre che restano, ma i consiglieri non li eleggono più i cittadini, bensì li nominano i consiglieri comunali. Pensioni: Monti alza l’età pensionabile a 68 anni, mentre decine di migliaia di lavoratori vengono “rottamati” a cinquant’anni; poi s’accorge che, così facendo, centinaia di migliaia di lavoratori restano senza stipendio né pensione; al che, annuncia che gli “esodati” sono 65.000 (perché i soldi bastano solo per quelli), salvo scoprire che invece sono 350.000.

Tassa sulla prima casa: il governo la ripristina creando l’Imu ma esentando le fondazioni bancarie – non invece le case di vecchi e invalidi ricoverati in ospizio; sempre Monti divide l’Imu prima in due, poi in tre rate, annunciando aliquote più alte ma senza fissarle. Risultato: contribuenti nel caos, mentre i tecnici della Camera accusano l’esecutivo di “incostituzionalità”. Ma non è finita: il “governo dei banchieri” abolisce le imposte sulle borse di studio fino a 11.500 euro, ma non per i 25.000 medici specializzandi, scippandogli così il 20% di quel poco che lo Stato concede loro per finire gli studi. Quindi il lavoro, con la “crociata” contro l’articolo 18: si abolisce il reintegro giudiziario per i licenziati ingiustamente con la scusa dei motivi economici, poi si annuncia che la riforma è immodificabile, infine si fa retromarcia alla prima minaccia di sciopero.

Economia: si lancia il decreto liberalizzazioni ma poi lo lascia svuotare in Parlamento dalle solite lobby, mentre la Ragioneria dello Stato segnala la mancanza di copertura finanziaria per alcune norme. Il governo dà parere favorevole a un emendamento Pd che cancella le commissioni bancarie, salvo poi accorgersene e cancellarlo con un altro decreto. Un altro emendamento, sempre del Pd, propone di tassare gli alcolici per assumere 10.000 precari della scuola: il governo prima lo accoglie, poi lo fa bocciare in extremis. Mario Monti annuncia la ritassazione dei capitali “scudati”, ma senza spiegare come si pagherà: così, nessuno riesce a pagare nemmeno se vuole. Altra tassa: sulle ville all’estero, ma dimenticando quelle intestate a società, che sono la maggioranza, così non paga quasi nessuno.

Episodi tragicomici: l’esecutivo toglie ai disoccupati l’esenzione dal ticket sanitario e poi la ripristina scusandosi per il “refuso”. E ancora: vara il decreto “svuotacarceri” per sfollare le celle, col risultato che i detenuti aumentano: 66.632 a fine febbraio, 66.695 a fine marzo. Sicurezza: il governo annuncia la tassa di 2 centesimi sugli sms per finanziare la Protezione civile, poi se la rimangia e aumenta le accise sulla benzina. Inoltre: annuncia due volte, nella Delega fiscale, un “fondo taglia-tasse” per abbassare le aliquote e abolire l’Irap coi proventi della lotta all’evasione, ma per due volte poi lo cancella. Sempre Monti depenalizza le condotte “ascrivibili all’elusione fiscale” con “abuso del diritto”, che vedono imputati Dolce e Gabbana, indagati dirigenti di Unicredit e Barclays e multati dal fisco Intesa Sanpaolo per 270 milioni e Montepaschi per 260 (lodo salva-banche). Ancora: inventa una tassa sulle barche di lusso ma cambia tre volte le regole, così pochi la pagano e quasi tutti portano gli yacht all’estero (“lodo Briatore”).

Nella riforma della Protezione civile, il governo Monti scrive che «il soggetto incaricato dell’attività di previsione e prevenzione del rischio è responsabile solo in caso di dolo o colpa grave», rischiando di mandare in fumo il processo per omicidio colposo in corso all’Aquila contro la Commissione grandi rischi, nonché le indagini sulla mancata prevenzione nel sisma del 2009 (lodo salva-Bertolaso & C.). E nel pacchetto anticorruzione, il ministro Severino cambia il nome e riduce la pena (e la prescrizione: da 15 a 10 anni) alla concussione per induzione, reato contestato a Berlusconi nel processo Ruby (lodo salva-Silvio). «Si diceva che il “governo dei professori” doveva riparare i danni fatti dai politici: ma agli errori che accumulano Monti e i suoi ministri chi porrà rimedio?», scrive “Micromega”, che riprende il «primo, sommario elenco» indicato da Travaglio. “Errori” o, meglio, orrori?

Fonte: libreidee

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog