Come scrivere un best seller in 57 giorni

http://ecx.images-amazon.com/images/I/41ESOCSOOuL._SL500_AA300_.jpg"Dobbiamo scrivere un romanzo sentimentale, alla Via col vento, guerra di secessione e amori tormentati, soldati e corna. - Ambientiamolo nel medioevo, alcuni alieni rapiscono un gruppo di monaci, un romanzo di fantascienza retroattiva". "Io scriverei un western ambientato ai giorni nostri, dove i duelli con le pistole si svolgono a Wall Street, dopo un conflitto nucleare". "Io avanzai l'ipotesi di un thriller con protagonista un anatomopatologo. Avevo sentito dire che gli anatomopatologi andavano per la maggiore nei best seller, anche se avrei avuto qualche problema a spiegare quale professione svolgessero di preciso..."

Se presterete ascolto a questi semplici suggerimenti, se seguirete queste poche raccomandazioni, io vi garantisco che pubblicherete un libro presso un editore di prima fascia (sì, Mondatori, Rizzoli o Einaudi) e venderete come minimo 50.000 copie. Avete capito benissimo. Non è uno scherzo. Dunque bando alle ciance e procediamo.

Anzitutto, c’è da operare una prima, essenziale scrematura: l’Aspirante Scrittore di Best Seller non deve produrre una raccolta di racconti. A torto o a ragione gli editori sono restii a pubblicarle, se non dopo la scomparsa dell’autore (meglio se prematura). Quindi l’Aspirante Scrittore di Best Seller dovrà scrivere un ROMANZO.

Diciamo che la lunghezza ben voluta dagli editori si aggira intorno alle 100.000 parole. Il che vuol dire che se l’Aspirante Scrittore di Best Seller prenderà un ritmo di scrittura giornaliero di 2000 parole, il romanzo sarà pronto in 50 giorni di lavoro effettivo. Per effettivo intendo che sarebbe consigliato un periodo di riposo di almeno una settimana fra i primi 25 giorni e i secondi 25. In totale quindi abbiamo 57 giorni per portare a compimento l’opera che vi renderà ricchi e felici.

AMBIENTAZIONE

L’Aspirante scrittore di Best Seller dovrà cercare per il suo libro un ambiente che conosce bene. Per fare un esempio, è inutile voler scrivere un Legal Thriller se non si è avvocati e non si conoscono le procedure penali. La mancanza di informazioni è letale, e non permette di proseguire. Per raggiungere la lunghezza prefissata, ovvero 100.000 parole, si deve scrivere di qualcosa di cui si hanno una valanga di informazioni: la verosimiglianza è una questione centrale nella produzione di un Best Seller. Quindi questo è il mio consiglio: un impiegato racconti del mondo impiegatizio, un portiere d’albergo del mondo alberghiero, uno speculatore del mondo della borsa e così via. Per la stessa ragione, a meno che non conosciate a menadito un periodo storico particolare (Umberto Eco ne Il nome della rosa) il mio consiglio è di scegliere il tempo presente, attuale, contemporaneo. Renderete la vostra scrittura credibile, e soprattutto meno faticosa da portare avanti.

 

PERSONAGGI E INTRECCIO

Se l’Aspirante Scrittore di Best Seller mi ha seguito fin qui, la creazione dei personaggi gli verrà naturale. Fidatevi, troverete i vostri personaggi come se fossero caduti dal cielo. Però tenete presente questa regola essenziale: ci vuole un conflitto. Il motore narrativo parte sempre da un contrasto, non a caso la frase “Vissero felici e contenti” è di solito l’ultima. Cercate due personaggi, o gruppi di personaggi, dalle caratteristiche antitetiche e impostate la vicenda su di loro. Buono/Cattivo è una coppia ben collaudata e di sicura efficacia. Cercate di sfumarli soltanto un poco, per evitare che siano troppo prevedibili. Dotate poi i due personaggi principali di una serie di aiutanti, o personaggi di secondo piano, o personaggi gregari. Qui la caratterizzazione può essere più grossolana, e anzi la grossolanità può essere consigliata.         

 

NARRAZIONE E STILE

L’istanza narrativa è chiara per l’Aspirante Scrittore di Best Seller: narratore in terza persona onnisciente. Questo vi garantisce la massima libertà, ma cercate comunque di seguire sempre i personaggi nelle loro azioni e vicende. Guardatevi bene dal mettere in bocca al narratore esternazioni, commenti e pensieri che sono vostri. Lasciate che focalizzi, lasciate che sia uno strumento neutro. Come neutra dovrà essere la lingua. Lasciate perdere le avanguardie, le neo avanguardie e ogni velleità di apportare cambiamenti significativi all’italiano medio, preferibilmente corrente. Dobbiamo o non dobbiamo vendere come minimo 50,000 copie? Dunque usiamo un italiano standardizzato, comprensibile dal maggior numero possibile di lettori.

 

FINALITA’ E ULTIME DRITTE

E’ essenziale che l’Aspirante Scrittore di Best Seller sappia che una storia è semplicemente una storia. Deve indurre il lettore a girare la pagina, non a macerarsi su chissà quale tema alto e nobile. Per cui attenetevi all’intreccio stabilito, basato su un conflitto. Un pescatore non pesca più (Il vecchio e il mare), un barbone diventa ricco (La leggenda del Santo bevitore), un giovane non vuole invecchiare (Il ritratto di Dorian Gray). Gli esempi citati tra parentesi sono anche troppo pretenziosi, mentre dovrete volare bassi, annullare qualsiasi pretesa. Cercate semmai di dare il senso di un’indagine sul presente, l’impressione di uno spaccato di realtà: i critici lo prendono sempre come un segno di maturità da parte dell’autore.  

 

Questo è tutto. Come avrete notato, ce la può fare davvero chiunque. Non bisogna essere schizzinosi. Stringete i denti e sopportatevi per poco meno di due mesi.

 

Solo un dettaglio: magari vi comprerò, ma non aspettatevi che vi legga.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog