Coldiretti: «I prodotti biologici trainano la ripresa sulle tavole degli italiani nel 2010»

Gli italiani per le loro scelte alimentari si orientano sempre di più verso il settore biologico e non solo per i prodotti "freschi" «Con un aumento record del 9 per cento negli acquisti familiari i prodotti biologici trainano la ripresa sulle tavole degli italiani nel 2010» ha dichiarato Coldiretti che ha commentato i dati Ismea AcNielsen sugli acquisti domestici di prodotti confezionati nel primo semestre del 2010.

 

Nello specifico le migliori performance sono state registrate nei prodotti per l'infanzia (+31 per cento), per il pane e i sostituti (+19 per cento) e per i prodotti per la prima colazione (+17 per cento), ma ad aumentare sono tutte le diverse categorie di prodotto come il miele (+14 per cento), i lattiero caseari (+11 per cento), gli oli (+10 per cento), le uova (+8 per cento), la pasta e il riso (+8 per cento) e le bevande (+6 per cento).

 

«In Italia il biologico sviluppa un giro di affari stimato in 3 miliardi di euro- ha continuato Coldiretti- attraverso vendite al dettaglio in negozi specializzati, supermercati, vendite dirette delle aziende agricole e mercati degli agricoltori di campagna Amica verso i quali si registra un interesse crescente, per la mancanza di intermediazione che garantisce il miglior rapporto prezzo/qualità».

 

Si conferma tra l'altro che l'acquirente del "biologico" è un consumatore informato che vuole sapere la provenienza dei prodotti che mette in tavola.

 

«Nel 2009 si è verificato  l'aumento del 32 per cento delle aziende agricole dove è possibile acquistare direttamente (2.176), del 22 per cento degli agriturismi e il boom dei mercati degli agricoltori evidenziati da Biobank, che confermano la forte crescita di un segmento della popolazione che non si accontenta di acquistare biologico, ma che vuole conoscerne anche la provenienza» ha concluso Coldiretti. ( Fonte: greenreport.it)

 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog