Codogno, elezioni comunali: " GENTE NUOVA" presenta il programma elettorale

http://gentenuovacodogno.files.wordpress.com/2010/12/logo_latodx.gif?w=185&h=185Breve descrizione Lista Civica “Gente Nuova”

 

La lista civica “Gente Nuova” nasce dalla volontà d’impegnarsi concretamente nella vita pubblica ed amministrativa del comune di Codogno. Un impegno che viene dalla società civile, da persone che vogliono concretamente mettere a disposizione della cittadinanza le proprie competenze. Quindi persone e non partiti che si vogliono impegnare per il bene della città.

 

Crediamo nella partecipazione diretta dei cittadini, senza bandiere di partito o influenze esterne alla vita cittadina. Ci siamo ritrovati per dare vita ad un nuovo modello di amministrazione: chiaro, trasparente e condivisibile. La nostra lista è composta da persone di diversa estrazione sociale ma, soprattutto, di diversi orientamenti politici nazionali. Tali diversità costituiscono la nostra vera ricchezza perché proprio nelle diversità il confronto diventa proficuo ed i progetti elaborati sono realmente a vantaggio della nostra città: non un’ ideologia ma la concreta volontà di risolvere annosi problemi che la politica tradizionale non è mai stata in grado di risolvere.

 

Individuiamo nel buon senso il nostro maggior criterio di discernimento e di valutazione, analizziamo e valutiamo tutte le proposte che portano a un reale vantaggio per Codogno e per la sua cittadinanza. All’interno della lista civica non esistono gerarchie precostituite: ogni persona al suo interno può esprimere il proprio parere ed esperienza.

 

Noi non siamo contro i partiti, siamo oltre i partiti!

 

Sulla base del confronto interno e dall’ascolto continuo della cittadinanza sono stati individuati i seguenti punti programmatici di seguito descritti:

 

Teatro Comunale. Le forze politiche attualmente in amministrazione avevano già individuato un’area dove potesse sorgere il nuovo teatro comunale con possibilità di sala cinema. Il nostro impegno concreto alla sua realizzazione per l’utilizzo esteso a qualsiasi forma di arte, teatro, musica e cinema, come vero spazio aggregante per la vita cittadina.

 

Cultura. Non più intrattenimento in città con il contagocce ma attività culturali degne di un polo di attrazione verso tutte le fasce di età in collaborazione con i comuni limitrofi, i commercianti, le associazioni e la Pro-Loco. Solo con una reale sinergia tra tutte le energie del territorio si può ritrovare la sua centralità culturale nel territorio del basso lodigiano.

 

Commercio. Crediamo rappresenti un importante motore della città, esso deve essere stimolato ed incentivato, trovando nell’amministrazione un partner con cui collaborare e non un ostacolo per ogni iniziativa. Rivedremo il complesso regolamento comunale con riferimento alle attività commerciali e produttive. Attraverso periodiche riunioni con l’amministrazione prevediamo un calendario comune di iniziative ed un continuo confronto con le associazioni di categoria (riunioni bimestrali con l’Assessore competente). Con la collaborazione di tutti i commercianti, vorremmo valorizzare gli spazi del quartiere fieristico Vezzulli per l’organizzazione di eventi soprattutto durante il periodo estivo. Blocco alla realizzazione di nuovi centri commerciali e sostegno alle attività dei piccoli negozi e delle botteghe. Parcheggio gratuito il sabato pomeriggio per la sosta sulle strisce blu proprio per incentivare il commercio cittadino nel centro storico.

 

Sicurezza. Il rispetto della legalità costituisce per noi un punto fondamentale del nostro programma. Crediamo sia importante aumentare la videosorveglianza in tutti i punti sensibili della città, sia nelle zone commerciali che in quelle residenziali ad alto rischio criminale come il tristemente noto formicaio. Crediamo sia necessario aumentare la collaborazione tra forze dell’ordine cittadini e vigilanza privata. Sarà proposto un coordinamento delle polizie locali con i comuni limitrofi.

 

Ambiente. La nostra città è sporca. La gestione è affidata ad una grossa azienda che interviene sul grossolano e non garantisce una copertura completa. Vorremmo adottare il Comune di una figura di operatore ecologico interno. Lo “stradin” sarà impiegato full-time per le vie della città per tutte quelle tristi occasioni di ritrovamento del classico sacchetto, bottiglia, ecc.. Una maggiore attenzione inoltre deve concentrarsi sugli spazi aperti. Basta alla cementificazione ed hai parchetti “tampone” dell’edilizia. Programmiamo e strutturiamo dei bei giardini e dei parchi in collaborazione con i privati e le scuole.

 

Associazioni. Ascolto di tutte le proposte le proposte che arrivano dall’associazionismo, in tutte le sue forme: sportive, culturali, ludiche e sociali, al fine di garantire un graduale risveglio della città. Suddividere le risorse in maniera capillare senza avvantaggiare nessuno e favorendo i progetti migliori. Pubblicazione gratuita su “Codogno Notizie”, sul sito del comune, sui tabelloni elettronici di tutti gli eventi da sponsorizzare.

 

Edilizia privata. Forte azione di monitoraggio sul territorio al fine di costituire un mercato veramente libero e stimolare la presenza di più soggetti operanti. Noi crediamo che maggior concorrenza corrisponda a prezzi più bassi per l’acquisto delle nuove abitazioni. Incentivazioni e riduzioni degli oneri per la ristrutturazione privata di opere fatiscenti in centro storico.

 

PGT. Semplicemente azzerare tutte le nuove lottizzazioni e concretizzare un tavolo tecnico con gli Ordini degli Ingegneri ed Architetti. Non abbiamo necessità di costruire case per 3000 nuovi abitanti. Mettiamo a posto le strutture fatiscenti in Città e miriamo ad un uso più attento del verde pubblico e delle strutture che potrebbero veramente servire. Una attenta analisi di valutazione deve essere fatta per scongiurare “Ghetti”, degrado e zone ombra.

 

Filiera corta per incentivare l’economia del territorio. Crediamo sia importante coinvolgere nelle gare d’appalto comunali, le attività presenti sul territorio incentivando così il commercio cittadino e la manodopera locale. Blocco delle gare “al massimo ribasso” per tutelare la qualità finale del prodotto o dei servizi. Massimo ribasso molte volte significa pessimo lavoro.

 

Viabilità e manutenzione strade. Adeguamento della viabilistica della città sia in termine di cartellonistica che di percorribilità. Manutenzione programmata più attenta onde evitare di dover gestire sempre e solo le situazioni d’emergenza. Individuazione di un piano di emergenza neve, pioggia e di situazioni a rischio.

 

Sociale. Una attenta analisi deve essere fatta sui pensionati e sui giovani. Due categorie sempre più isolate e lasciate a se stesse. I pensionati hanno pochissime aree di ritrovo dove trascorrere parte della giornata, quelle esistenti non hanno un adeguato sostegno comunale, sono abbandonate a se stesse, con non pochi problemi di gestione per i costi altissimi di affitti e spese per le utenze. L’impegno è quello di aiutare economicamente tutti i possibili luoghi di socializzazione. Per i giovani, anche giovanissimi, la città non offre quelle semplici occasioni di ritrovo e di festa, costretti quindi a lasciare la nostra Città per andare altrove. Facciamo riferimento ad esempio al Carnevale, a Santa Lucia, Santo Natale, Capodanno, Pasqua di Resurrezione, Ferragosto. Giornate che non hanno trovato alcuna iniziativa, non solo per i più piccini ma per tutta la comunità.

 

Disoccupazione. Codogno e molti paesi del basso lodigiano vivono momenti di forte crisi occupazionale. Riteniamo che massima attenzione deve essere prestata ai problemi occupazionali, sia incentivando le nuove iniziative di sviluppo del territorio, sia favorendo le dinamiche di collocazione del personale attraverso uno sportello “amico” di assistenza per compilare curriculum, bacheca di domanda/offerta e supporto alla ricerca del lavoro.

 

Passaggio pedonale San Biagio. San Biagio merita di essere connesso al centro storico di Codogno con diversi punti di accesso pedonali di facile attraversamento e sicuri.

 

Villa Polenghi. Tale villa costituisce un patrimonio per la comunità di Codogno. Riteniamo che debba essere fatta un’attenta analisi sulla possibilità di acquistare o locare tale villa, al fine di evitare il degrado in cui attualmente sta versando. Ristrutturata potrebbe diventare un ottimo spazio eventi, affittabile anche per matrimoni o conferenze, ritrovo per anziani e più piccoli. Con le scuole (Istituto Agrario in primis) potrebbe essere un “laboratorio” di ricerca.

 

Biblioteca. Inserimento di postazioni connesse ad internet, zona wi-fi (internet senza fili gratuito) ed aree studio. Partecipazione della commissione Biblioteca in Commissione cultura per gestire progetti condivisi.

 

Sosta Spesa. In molti comuni sono presenti parchimetri con sosta minima gratuita di 15 minuti. Utile per dover ritirare velocemente un documento, bere un caffè, comprare il giornale o fare la spesa.

 

Casa dell’acqua. Realizzazione di una stazione di acqua potabile, già presente in diversi comuni limitrofi per l’erogazione di acqua potabile naturale e gasata.

 

Fiera. Abbiamo una fiera ultra bicentenaria. L’idea che sta alla base è quella di allargarla a più giorni di svolgimento. Non solo, dobbiamo creare un ente fiera che possa gestire altre attività durante l’anno. L’area “Vezzulli” infatti viene utilizzata un solo giorno all’anno e assorbe decine di migliaia di euro per un solo giorno. Con un ente Fiera quell’area potrà essere utilizzate 365 giorni all’anno con costi che verranno assorbiti su tutte le manifestazioni in programma.

 

Scuola e didattica. In molti comuni sono già attivi corsi professionalizzanti e di interesse collettivo quali lingue, informatica, funzioni tecniche. Il nostro progetto prevede a tutti gli interessati dei corsi di alfabetizzazione per il computer (per gli anziani che non hanno mai avuto modo di imparare), corsi di lingue (inglese in primis) ed altre attività di studio sia per aumentare la professionalità sia per un momento di ritrovo che di apprendimento. Per quanto riguarda le scuole dell’obbligo, si vuole dare un forte sostegno agli alunni più meritevoli con borse di studio dignitose.

 

Comunicazione. Aumento della comunicazione tra i cittadini e l’amministrazione comunale. Question time periodici con l’amministrazione comunale per quesiti in risposta immediata in aula consiliare. Gli amministratori devono essere disponibili a tutti i cittadini per domande, richieste e perplessità. Orari anche serali per il ricevimento dei cittadini. Il famoso periodico comunale Codogno Notizie dovrà essere pubblicato su base trimestrale ed in maniera continuativa e non occasionale come avviene ora. In esso dovranno essere pubblicati le delibere, i vari bandi e concorsi, le iniziative delle associazioni e delle categorie.

 

Rievocazioni storiche e sagre. Codogno ha una storia medievale che in pochi conoscono. Questo patrimonio va salvaguardato è spiegato alle nuove generazioni. Crediamo sia importante incentivare la nascita di alcune sagre per far ricordare i prodotti tipici della nostra terra quali il Grana Padano e la mela cotogna.

 

Frazioni. Servizio di trasporto per il mercato comunale nel centro storico o per gli altri servizi pubblici. Sistemazione dell’illuminazione pubblica. Sistemazione del parchetto della frazione Triulza ormai abbandonato a se stesso. Valutazione di servizi sociali assistenziali alle persone con scarse capacità motorie. Controllo dell’abbandono di rifiuti lungo la ex via Emilia con la possibilità di installazioni di videosorveglianza. Mercato ambulante, almeno un giorno alla settimana, per i servizi di prima necessità, alimentari in primis data la chiusura dell’unica “bottega” in frazione Triulza.

 

Depositato presso l’ufficio elettorale centrale disponibile sull’albo pretorio il 15/04/2011

 

Ing. Cesare Cogni

 

Candidato Sindaco del Comune di Codogno – Lista Civica “Gente Nuova”

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog